Notizie Italia

Turismo in Sicilia, arrivi e presenze quasi raddoppiati quest’anno

Arrivi e presenze complessivamente quasi raddoppiate in Sicilia rispetto al 2021. E c’è un aumento significativo dei turisti stranieri che vengono a visitare l’isola. Il turismo siciliano si avvicina ai numeri del 2019, l’ultimo anno d’oro prima della pandemia. Si conferma inoltre l’aumento delle permanenze nella regione, con una media di oltre 3 giorni.

Secondo i dati relativi al settore alberghiero ed extralberghiero, elaborati dall’Assessorato al Turismo della Regione Siciliana, da gennaio a fine luglio 2022 gli arrivi complessivi sono cresciuti dell’89,3% rispetto allo scorso anno, le presenze del 93,6%. In valore assoluto, nei primi sette mesi del 2022 si sono registrati 2.340.048 arrivi e 7.302.064 presenze, a fronte di 1.235.926 arrivi e 3.770.914 presenze nello stesso periodo del 2021. I numeri del 2022 sono molto vicini a quelli del 2019 (2.759.398 arrivi, 7.839.476 presenze), un anno da prendere come termine di paragone poiché non ci sono stati vincoli dovuti alla pandemia che ha invece caratterizzato il 2020, in parte considerevole il 2021 e anche l’inizio del 2022. Rilevante ”aumento dei flussi turistici stranieri: gli arrivi di visitatori dall’estero quest’anno è cresciuto del 301% rispetto al 2021, le presenze del 285%. In crescita anche i turisti italiani, sia per arrivi (+38%) che per presenze (+36%).

Inoltre, la permanenza dei turisti sull’isola nei primi sette mesi del 2022 è in media di 3,2 giorni. L’anno scorso erano 3.1, nel 2019 2.8. L’aumento della durata dei soggiorni è uno degli obiettivi di SeeSicily, il programma di incentivazione turistica lanciato dalla Regione Siciliana nel 2021, attraverso l’assessorato regionale al turismo, e riproposto anche quest’anno.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Back to top button