Notizie Italia

Testimoni di Geova, dopo 30 mesi di stop per la pandemia riparte l’evangelizzazione di casa in casa

Dopo una pausa di 30 mesi a causa della pandemia, i Testimoni di Geova di tutto il mondo tornano a settembre per fare ciò per cui sono più conosciuti: l’evangelizzazione porta a porta. In questa occasione verrà offerto a tutti il ​​primo corso interattivo per conoscere la Bibbia. Piero Maltese, portavoce locale della Sicilia, ha dichiarato: “Pandemia, guerre, crisi economica, problemi sociali: questi due anni e mezzo ci hanno tolto molte delle certezze che avevamo. Tuttavia, la Bibbia può aiutarci a ricostruire certezze migliori e più solide. Il corso biblico interattivo unisce testo scritto, immagini, video e audio, permettendo a persone di tutte le età di comprendere in modo semplice il messaggio di speranza delle Sacre Scritture”.

L’anno scorso i Testimoni hanno tenuto una media di cinque milioni di corsi biblici in tutto il mondo ogni mese, di cui 100.000 solo in Italia. Il programma del corso ti permette di imparare cosa insegna la Bibbia su vari argomenti, ad esempio come trovare la felicità, perché l’odio e la sofferenza aumentano solo e quale futuro ci aspetta.

Il 41enne Salvatore, parlando di come il corso biblico lo abbia aiutato a migliorare la sua vita, racconta: “Lo studio della Bibbia ha influenzato profondamente la mia vita. Ad esempio, riuscii a smettere di usare il tabacco, anche se fumavo più di 60 sigarette al giorno prima di studiare la Bibbia. Questo studio ha avuto un impatto positivo anche sul mio matrimonio, che era sull’orlo del fallimento. Ora ho una famiglia unita e felice”.

La partecipazione al corso biblico interattivo è gratuita e non comporta alcun obbligo. Il principale libro di testo utilizzato è la Bibbia stessa. Attraverso questo corso, i Testimoni di Geova vogliono semplicemente far conoscere ciò che insegna la Bibbia, lasciando che ognuno decida da sé in cosa credere e quali scelte fare nella vita.

Maggiori informazioni possono essere trovate su jw.org.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button