Notizie Italia

Terme di Sciacca, un finanziamento per ristrutturare gli immobili

Intervento della Cassa Depositi e Prestiti per le Terme di Sciacca: con il finanziamento l’immenso patrimonio immobiliare può essere ristrutturato e diventare appetibile per la gestione degli imprenditori del settore.

La giunta regionale ha deliberato di partecipare al bando per la raccolta delle manifestazioni di interesse ai fini dell’acquisizione di immobili da parte di un fondo immobiliare operante nel settore turistico, per l’intero complesso immobiliare delle Terme di Sciacca di proprietà siciliana regione. Il fondo è gestito da Cassa Depositi e Prestiti Immobiliare, società di gestione.

Il bando prevede l’utilizzo di risorse comprese nel Pnrr per un importo di 150 milioni di euro con l’obiettivo di acquisire proprietà o diritti di superficie su un numero di immobili non inferiore a dodici nei territori di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Il piano prevede l’acquisizione dei beni da parte di Cassa Depositi e Prestiti per la valorizzazione e la messa in servizio. “E i tempi per l’esecuzione dei lavori, se l’operazione dovesse andare a buon fine, e tutti lo speriamo, sono certi, come specificato nel bando”, sottolinea il parlamentare regionale di Sciacca Matteo Mangiacavallo intervenuto ieri sull’argomento. Con la stessa delibera il governo Musumeci ha dato mandato all’Assessorato regionale alle Finanze e al Credito di valutare la possibilità di partecipare al medesimo bando anche per il complesso di Acireale spa.

La questione Terme si svolge da tempo a Sciacca con le strutture chiuse e spesso vandalizzate. Poche settimane fa la Questura di Sciacca ha denunciato un gruppo di giovani, anche minorenni, entrati nel Grand Hotel delle Terme. L’hotel, gli stabilimenti e le piscine sono da anni oggetto di attacchi di vandalismo che hanno causato ingenti danni.

© Tutti i diritti riservati

Scopri di più inedizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola.
Per leggere tutto, acquista il giornale o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button