Notizie Italia

Sondaggio: Musumeci unico di centrodestra a battere Chinnici. Ed è bufera con Miccichè

Secondo l’indagine Euromedia Research, condotta tra il 6 e l’8 luglio su un campione di 1.000 siciliani intervistati telefonicamente, Nello Musumeci vince la sfida con Caterina Chinnici per la presidenza della Regione Siciliana. Eventuali altri candidati di centrodestra, invece, perderebbero contro il candidato di centrosinistra.

Il rilievo è stato commissionato all’istituto elettorale dal movimento DiventeràBellissima, fondato da Musumeci. L’indagine rileva quattro diversi scenari, ipotizzando la sfida tra quattro diverse candidate del centrodestra e Caterina Chinnici, quest’ultima in corsa per le primarie del settore progressista insieme a Claudio Fava e Barbara Floridia (M5s). Solo nello scenario in cui il candidato fosse Musumeci la coalizione di centrodestra vincerebbe la sfida elettorale: il governatore si riconfermerebbe con il 46,8% contro il 37,6% di Chinnici. Chinnici vincerebbe contro Gianfranco Micciché (40% al 38,8%), Stefania Prestigiacomo (41,1% al 38,8%) e Raffaele Stancanelli (41,4% al 32%).

Senza Musumeci, Cateno De Luca, in corsa con Sicilia Vera, otterrebbe tra il 4 e l’8% di voti in più, a seconda dei diversi scenari. L’astensione è alta, quasi il 50%.

Musumeci, intervistato da Sky Tg24, ha parlato tra l’altro di elezioni regionali. «Mi pongo la domanda – ha detto – sul perché non sono ancora stato indicato come nome unitario del centrodestra per le regionali in Sicilia, sono il presidente uscente, credo di dover essere il candidato logico della coalizione . Non so chi non mi vuole, se lo sapessi andrei a chiedergli perché. Manca ancora il vertice nazionale da cui dovrebbe essere ufficializzata la candidatura». Poi ha parlato di sondaggi. “Guardo i sondaggi con distacco – ha affermato il presidente della Regione – ma in questi sei mesi quattro sondaggi mi danno un vantaggio. Chissà se qualcuno all’interno del centrodestra sta lavorando per dare la regione agli avversari o meglio per tornare a vincere completando il nuovo programma, a cominciare da due nuovi termovalorizzatori».

Parole che hanno provocato un’immediata reazione di Micciché, presidente dell’assemblea regionale e coordinatore di Forza Italia in Sicilia. «Musumeci ci fa i conti, -ha detto all’Adnkronos-, non lo vogliamo. Punto. Perché è una persona sleale e arrogante e lo ha dimostrato in più occasioni». Poi Miccichè ha commentato i dati del sondaggio. «Il sondaggio si fa con un candidato che sta sui giornali e in televisione tutti i giorni, ovunque – ha detto il coordinatore di Forza Italia in Sicilia -. Nell’isola vince il centrodestra con qualsiasi candidato».

Duro ancora una volta l’attacco di Miccichè: «Musumeci è stato sleale verso tutta la coalizione, ma anche verso me. Potrei fare una lista infinita di cose negative che ha fatto su di me. Se fosse così ingiusto nel primo termine, figuriamoci cosa accadrebbe nel secondo». Miccichè dice “certo” che “in Sicilia vince anche il centrodestra con un gatto”, ripetendo una frase che aveva detto nei mesi scorsi al Vinitaly. «E voglio un gatto fedele…». Poi parla della storia dell’Orchestra Sinfonica. «Mio padre era un grande fan dell’Orchestra Sinfonica e gli ho chiesto di farmelo occupare io e invece sa cosa ha fatto? Non solo non lasciò che me ne occupassi io, ma iniziò a riempire l’Orchestra Sinfonica di catanesi. Quello che so è che mio padre prima di morire mi disse: “Gianfranco, ti aspettavamo per vergognarti dell’orchestra sinfonica” e non dimentico mai questa frase, che è stata un colpo al cuore.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button