Notizie Italia

Sistema Montante, i giudici in camera di consiglio da stamattina

I giudici della corte d’appello di Caltanissetta sono ancora in camera di consiglio e devono decidere il processo sul cosiddetto Rising System. Il collegio si ritirò alle undici per la sentenza.
Imputati l’ex dirigente della Sicindustria Antonello Montante, accusato a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione e all’accesso abusivo al sistema informatico e ad alcuni dei componenti del suo “circolo magico” che rispondono in vario modo alla corruzione, rivelazione di notizie coperte dal segreto di ufficio, favoreggiamento e favoreggiamento. Si tratta del colonnello Gianfranco Ardizzone, ex comandante provinciale della Guardia di Finanza di Caltanissetta, del vicequestore Marco De Angelis, del capo della sicurezza di Confindustria Diego Di Simone e dell’assessore Andrea Grassi.

Tra coloro che attendono la sentenza a Caltanissetta c’è il presidente della Commissione nazionale antimafia, Nicola Morra. “Penso sia logicamente giusto che il presidente della commissione antimafia – ha dichiarato – presti attenzione a questo processo perché Antonello Calogero Montante è stato intercettato mentre suggeriva all’allora ministro dell’Interno Angelino Alfano chi nominare prefetto di questa o quell’altra provincia. Le prefetture svolgono un ruolo fondamentale nell’azione preventiva in termini di divieti antimafia o liste bianche. Controllare quel mondo significa indebolire l’azione dello Stato”.

Morra ha aggiunto: “Non è la prima volta che sono presente perché si tratta di un processo che coinvolge uno dei cosiddetti campioni antimafia che poi, secondo le accuse accolte in primo grado, si è rivelato un falso mito e fin da quando mi è stato insegnato che la forza della mafia è da identificare nella debolezza di chi dovrebbe opporvisi e lui era riuscito ad avvolgere nella sua rete molti uomini delle amministrazioni e delle istituzioni pubbliche preposte alla lotta alla mafia , dando credito a un falso mito che aveva come testimone del matrimonio l’esponente della famiglia di Serradifalco Vincenzo Arnone, mi chiedo se tutto questo possa passare nel silenzio».

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button