Notizie Italia

«Sentivamo i figli piangere per gli anziani»: Senigallia, il racconto dei soccorritori e il video dall’alto

«Eravamo impiegati nella zona di via Po e stradone Misa, e finché abbiamo potuto abbiamo portato fuori persone che gridavano aiuto. In via Tevere c’erano tante criticità ma non siamo riusciti a raggiungere la gente e siamo dovuti tornare indietro». Lo racconta all’Ansa Lorenzo, un volontario del gruppo di protezione civile comunale di Senigallia. “Abbiamo sentito i bambini piangere per i genitori anziani rinchiusi in casa, loro non potevano fare nulla e nemmeno noi”, ha aggiunto.

I vigili del fuoco hanno diffuso un video che mostra la situazione a Senigallia dall’altro.

Il successivo intervento dei vigili del fuoco ha consentito il soccorso di persone, anche anziane, grazie alle zattere e alle unità specializzate per il soccorso speleofluviale. Inaugurato il centro di accoglienza del seminario episcopale di via Cellini. Nell’area continuano incessantemente le operazioni di soccorso a persone in difficoltà dopo forti piogge, allagamenti e allagamenti che hanno causato disagi e vittime nell’anconetana. A Senigallia allagamento in prossimità del casello autostradale di Senigallia che è chiuso. I vigili del fuoco hanno soccorso alcune persone, tra cui anziani con barche da rafting: nel centro di Senigallia ci sono anche i blackout.

«Da stasera – racconta Maurizio Mandolini, responsabile dell’area servizi sociali dell’Unione dei Comuni “Le Terre della Marca Senone” – 90 persone accolte presso il centro di accoglienza allestito presso il seminario episcopale di Senigallia in via Cellini. Si tratta per lo più di anziani e famiglie. Adesso partirà il censimento degli sfollati, per capire meglio chi potrà tornare a casa, con quali tempi e quanti avranno bisogno di assistenza alberghiera. Abbiamo già ricevuto una certa disponibilità da parte degli imprenditori».

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button