Notizie Italia

Sambuca, il mito di Elena torna in scena all’alba sul Monte Adranone

Sarà l’eterea figura di Viola Graziosi a dare vita ancora una volta al mito di Elena di Troia, l’attrice protagonista dello spettacolo Elena Tradita che si terrà nella suggestiva alba del Monte Adranone a Sambuca di Sicilia. Lo spettacolo fa parte della quarta rassegna teatrale Lucciole e silenzio promossa dal teatro comunale L’Idea e dall’amministrazione comunale di Sambuca di Sicilia, in collaborazione con il Parco Archeologico della Valle dei Templi di Agrigento.

In scena la coppia artistica, e anche coppia in vita, composta da Viola Graziosi e Graziano Piazza che firma anche la regia dello spettacolo, prodotto dal Teatro della Città, basato sulla drammaturgia dello scrittore Luca Cedrola che si è ispirato ai testi di Omero, Euripide e ad uno dei più grandi poeti greci del Novecento, Ghiannis Ritsos.

“Siamo felici di tornare in scena – racconta Viola Graziosi – con questo spettacolo che è il primo nel panorama teatrale italiano. Dawn ha sempre la sua magia mistica, per gli attori e per gli spettatori. Il rito del teatro – prosegue – si svolge in un percorso di rebour: gli spettatori sono privi di protezione, non sono avvolti nella coltre del buio della sala, ma piuttosto immersi in un crescendo, dall’alba alla luce del giorno. Siamo tutti spogliati nudi in una partita uguale”.

L’appuntamento per il pubblico appassionato delle albe è il 17 agosto, alle 06.00 del mattino presso il sito archeologico fenicio Monte Adranone che sovrasta Sambuca a quasi 1.000 metri di altezza.

I biglietti sono acquistabili in loco e online su Biglietto Live e sul sito del teatro comunale www.teatrolidea.com.

Un servizio pubblico navetta sarà a disposizione degli spettatori a partire dalle ore 05.00 dai parcheggi A e B sulla strada di accesso al sito sopra il quartiere Adragna (costo navetta 1 euro).

Al termine dello spettacolo, in loco verrà servito gratuitamente il primo caffè della giornata, accompagnato da una piccola colazione a base di cornetti caldi.

Dopo il successo di Medea su testo di Luciano Violante, rappresentato nella chiesa di San Domenico a Palermo, Viola Graziosi torna ad interpretare un’altra donna del mito, Elena di Troia, sedotta e seduttrice, sposa, vittima e ribelle, proponendola, sospesa in un arco di tempo millenario, tutte le sfumature delle sue contraddizioni femminili senza mai risolverle.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button