Notizie Italia

“Ristorante chiuso per mancanza di acqua”, ad Agrigento disagi anche per i b&b

Ad Agrigento l’approvvigionamento idrico non è regolare e così via alcune attività sono state costrette a chiudere nel pieno della stagione turistica estate. Un vero colpo all’economia agrigentina. la denuncia arriva dall’assessore comunale ed ex sindaco Lillo Firetto che posta una foto di un luogo del centro storico chiuso perché senza acqua.

“Non succedeva da un decennio – scrive l’ex sindaco -. Ieri e oggi ad Agrigento non c’è acqua. Ristoranti costretti a chiudere. B&B in grave sofferenza. Tutto questo al culmine della stagione turistica. Al momento di massimo calore. L’inferno. L’azienda consortile è nata e il servizio è peggiorato enormemente. Il costo delle bollette è rimasto alto e invariato. Nulla è cambiato se non che oggi manca l’acqua e le disservizi sono continue. Occorre cambiare molto registro rapidamente perché il danno economico e finanziario di immagine è devastante”, conclude.

Tra i tanti commenti e lamentele anche quella di chi fa notare che il problema dell’acqua non è solo nel centro storico: «Solidarietà a Fabio Gulotta – scrive Giuseppe Principato -. E a tutte le strutture ricettive. A San Leone idem solo due turni a un giorno di distanza, così non si arriva al successivo. Anche i turni seguono uno schema non efficiente per i consumatori. Le bollette sono pazze”. E poi c’è il post di Carmen Laura Virone che sottolinea come il problema è diffuso: “Non solo ristoranti, b&b del centro storico… In via Manzoni si saltano sistematicamente i turni, d’estate è insopportabile… Per non parlare dello sporco, se si ammala prima o poi non si cura subito… Molti quartieri sono invivibili».

Un problema, quindi, che coinvolge l’intera città di Agrigento e che non dovrebbe mai presentarsi, a maggior ragione in un periodo dell’anno a maggiore afflusso turistico.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button