Notizie Italia

Resto al Sud, nuova finestra per chiedere le agevolazioni in Sicilia: ecco come fare

Un secondo sportello per richiedere il contributo della Regione Siciliana, sotto forma di credito d’imposta, previsto per i beneficiari della misura «Resto al Sud». Dal 15 settembre fino alle ore 12 del 30 settembre, infatti, sarà possibile presentare domanda direttamente sulla piattaforma online https://restoalsud.regione.sicilia.it/index.html (accessibile tramite Spid). La documentazione generata dovrà poi essere inviata tramite posta elettronica certificata all’Ufficio Finanza e Credito dell’Assessorato Regionale all’Economia, secondo le modalità illustrate nelle istruzioni per la compilazione.
È quanto afferma il decreto consiliare n. 41 del 10 agosto. I fondi disponibili residui per il 2022 ammontano a 1 milione 972 mila e 314 euro.

E’ il provvedimento previsto dall’art. 17 della legge regionale di stabilità 2020-22 con la quale la Regione Siciliana ha rafforzato il provvedimento statale “Resto al Sud” che incentiva le start up e la costituzione di nuove imprese, con l’obiettivo di contrastare l’emigrazione di giovani professionisti. La legge regionale offre a chi ha scelto di avviare la propria attività imprenditoriale in Sicilia un’ulteriore agevolazione a supporto dello sviluppo del nuovo business.

Per i beneficiari degli incentivi “Riposo al Sud” (DL 91/2017), il provvedimento regionale prevede, infatti, la concessione di un credito d’imposta in regime “de minimis”, parametrato alle seguenti voci di competenza Regione Siciliana, versato per ciascuno dei primi tre periodi d’imposta a partire da quello di presentazione della domanda: addizionale regionale all’Irpef; bollo auto per i veicoli di proprietà immatricolati in Sicilia strettamente necessario per il ciclo produttivo come previsto dal programma di spesa ammesso al beneficio del «Riposo al Sud» o per il trasporto in conservazione condizionata dei prodotti; imposta di registro, ipotecaria e catastale e di bollo per l’acquisto di immobili ricadenti nel territorio regionale connesso allo svolgimento dell’attività.

Per informazioni, documentazione e riferimenti normativi, l’Assessorato Regionale Finanza e Credito ha realizzato una pagina web dedicata.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button