Notizie Italia

Regionali, Schifani: «Non mi sottometterò ai sottosegretari e ai ministri»

«Non mi sottometterò ai sottosegretari e ai ministri perché sono Renato SchifaniIl candidato di centrodestra alla presidenza della Regione Siciliana non li manda a dirlo. Intervenendo al convegno della coalizione che lo sostiene al Politeama di Palermo.

Il messaggio è chiaro e ribadisce quanto affermato da Silvio Berlusconi nell’intervista pubblicata oggi sul Giornale di Sicilia in edicola: “Dialogherò alla pari con il governo nazionale, senza vincoli e senza sottomissioni”.

Un concetto che l’ex presidente del Senato sottolinea anche parlando di burocrazia: “Ho trovato la Sicilia peggiore che in passatochi non vuole farmi lavorare tornerà a casa”, ha detto, lanciando una frecciata a chi lo ha preceduto.

Berlusconi, invece, ha parlato delle differenze nel centrodestra, parlando in un collegamento video: «Siamo partiti diversi, abbiamo un linguaggio diverso: ma questa diversità è una ricchezza perché è un rapporto sincero. Ce ne sarà uno straordinaria vittoria del centrodestra, per la prima volta dal 2008, gli italiani potranno scegliere ancora da chi farsi governare e sceglieranno sicuramente il centrodestra». Torna anche il Cavaliere Ponte sullo Stretto: «Non ci fermeremo mai. La sinergia tra Schifani e Occhiuto ci permetterà di procedere rapidamente».

Concept ribadito dal leader di Fi in Sicilia, Gianfranco Miccichè: «Non diciamo sciocchezze, non ci sono traditori. Forza Italia è compatta con Renato Schifani, non vogliamo amici di FdI, ma Fi sta lavorando per il primo partito in Sicilia».

All’incontro era presente il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani; il sindaco di Palermo, Roberto Lagalla; il leader della Lega, Matteo Salvini; quello della Nuova DC, Totò Cuffaro; il vicepresidente nazionale di Noi con Italia, Saverio Romano; Francesco Lollobrigida, capogruppo FdI alla Camera.

«Per la prima volta nella storia – ha detto Matteo Salvini – la Lega contribuirà al buon governo della Sicilia, c’è bisogno di un’Isola che viaggia, che funziona: quindi infrastrutture, strade, ferrovie e il Ponte sullo Stretto. Serve un’isola pulita, troppi anni persi senza realizzare impianti di termovalorizzazione. I rifiuti devono essere energia, calore e ricchezza, non possono essere un onere economico e sanitario per i siciliani».

video di Marcella Chirchio

interviste a: Saverio Romano, Francesco Lollobrigida, Antonio Tajani, Matteo Salvini

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button