News

Regionali, Miccichè: «Non andremo con Musumeci». Il presidente: «I desideri non diventano sempre diritti»

Dopo il Palermo si guarda alle Regionali e Forza Italia ribadisce il suo no a Musumeci-bis. Il coordinatore regionale azzurro Micciché, in diretta sul TGS, è stato chiaro: «Non andremo con Musumeci, qualunque cosa accada. Spero nell’unità del centrodestra, a qualcuno sta bene come candidato, ma Musumeci ha rotto questa coalizione. Fratelli d’Italia sarà il primo partito della coalizione, noi (FI) speriamo di arrivare al 10 per cento».

“I desideri non sempre diventano diritti.” Così il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha risposto al leader di Fi di aver detto ai giornalisti che “senza dubbio” il governatore uscente non sarà il candidato del centrodestra.

La pigiatura di Miccichè su Meloni

“Il problema qui è tenere unita la coalizione. Non vogliamo Musumeci candidato. Meloni è troppo intelligente per voler dividere la coalizione. Alcuni partiti hanno fatto un documento che uscirà questa sera e in cui diremo che vogliamo il centrodestra unito: chiediamo alla Meloni di sedersi attorno a un tavolo e individuare insieme un candidato, qualunque esso sia. Chiediamo formalmente al centrodestra di non avere un candidato così divisivo come Musumeci che costringerebbe il centrodestra a perdere». Lo ha annunciato Gianfranco Miccichè al TGS. È un documento, spiega, «firmato da FI, Lega e Noi con l’Italia con il quale chiediamo l’unità del centrodestra. Musumeci ha lavorato per cinque anni contro i partiti della sua alleanza. Non è possibile, dopo essere stato da lui massacrato, trovare una convergenza sul suo nome».

La Russa: “Il voto del Palermo rafforza Musumeci”

«Chi già pensa alle autorità regionali dovrebbe sapere che la vittoria di Lagalla che, come noi, si è subito espresso a favore del governatore Nello Musumeci, rafforza la candidatura del governatore uscente – dice Ignazio La Russa, senatore dei Fratelli di Italia.. Del resto Nello Musumeci è anche il miglior candidato per reprimere ogni tentativo di provocazione strumentale sul tema dell’antimafia.Nessuno più di lui, già presidente della Commissione Antimafia con i voti di tutta l’Assemblea , può dare garanzie in questo senso. Ciò che conta è restare uniti oggi sulla soddisfazione della vittoria di Palermo senza modificare gli assetti che da sempre portano il centrodestra a vincere come quello della riconferma dei calciatori uscenti che si sono ben meritati ».

Salvini: “Dovremo trovare qualcuno che unisca”

In Sicilia “dovremo trovare qualcuno che si unisca”. Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, in conferenza stampa dalla sede del partito in via Bellerio a Milano. “In Lombardia si decide in Lombardia, in Sicilia si decide in Sicilia” ha aggiunto, rispondendo alle dichiarazioni di Giorgia Meloni che sostiene che le regole’ devono valere per tutto, da Fontana a Musumeci. «L’importante – ha detto Salvini – è che il centrodestra vada insieme, questo ovunque. Lo dice uno che crede nella squadra allargata, spero non ci sia egoismo».

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button