Notizie Italia

Regionali, l’analisi del voto: oltre 8 elettori di Schifani su 10 nel 2017 avevano scelto Musumeci

L’astensione occupa ancora una volta un posto tra i vincitori delle elezioni regionali: nonostante il giorno delle elezioni, la coincidenza delle elezioni politiche e regionali, domenica scorsa meno di 1 elettore su 2 ha votato nell’isola. Solo il 49%. Oltre 2 milioni di siciliani non si sono recati alle urne. L’Istituto Demopolis ne ha indagato le ragioni: “Emerge – spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento – un chiaro compromesso di fiducia dei cittadini. La stragrande maggioranza dei siciliani, il 52%, sembra convinta che la politica regionale non è stata in grado, da molto tempo, di incidere sulla vita reale delle famiglie dell’isola”.

Tra coloro che si sono recati alle urne, in Sicilia si conferma un trend sempre più evidente: solo una minoranza, poco meno di un terzo, dichiara di aver votato in base alla propria appartenenza al partito. “Ciò che ha influenzato – aggiunge Pietro Vento – è stata soprattutto la scelta del candidato alla Presidenza, la decisione del 40% di chi si è recato alle urne; Il 38% degli elettori ha pesato anche a livello provinciale il candidato in lista per l’ARS: quest’ultima si è rivelata importante per il centrodestra e che ha contribuito a favorire, nell’ultima settimana, un’ulteriore crescita dei consensi per il nuovo Presidente della Regione Renato Schifani”.

L’analisi dei flussi elettorali conferma gli spostamenti di voto rispetto al 2017. L’Istituto Demopolis ha analizzato la composizione del consenso per il nuovo Presidente della Regione: su 100 elettori che hanno scelto oggi Renato Schifani (quasi 900mila), 82 avevano votato Musumeci nel Regionale 2017 2017 per Giancarlo Cancelleri, 3 per il candidato di Centro Sinistra Micari; infine, un segmento di 10 su 100 viene da chi non aveva votato 5 anni fa.

Cambiamenti significativi nel consenso a Renato Schifani nelle 3 aree metropolitane: 40% a Palermo, 47% a Catania, 29% a Messina, dove la presenza del suo principale competitor Cateno De Luca (che nella provincia dello Stretto ha superato quota 50 %) pesato. ). Tra le 9 province, quella di Agrigento è stata quella più gratificante per il nuovo Presidente della Regione, con il 51% delle preferenze.

Tra le qualità più riconosciute dai siciliani al nuovo Presidente della Regione emergono la competenza e la capacità di governare, legate alla sua lunga esperienza politica. Nella percezione dell’opinione pubblica, Schifani è anche concreto, mentre solo il 16% lo considera innovativo.

Demopolis, infine, ha analizzato le preoccupazioni economiche delle famiglie e l’agenda siciliana per il nuovo Presidente della Regione. “A preoccupare in vista dell’inverno – spiega il direttore dell’Istituto Demopolis Pietro Vento – è soprattutto l’aumento del costo della vita e l’inflazione. 8 su 10 evidenziano l’aumento insostenibile delle bollette del gas e dell’energia per la maggior parte delle famiglie e delle imprese. La necessità di sostegno al potere d’acquisto delle famiglie supera, per la prima volta nell’isola, la priorità storica dell’occupazione e del lavoro”.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Back to top button