Notizie Italia

Regionali: gli errori da non commettere in cabina elettorale

Il 25 settembre i siciliani saranno chiamati alle urne per le elezioni politiche, oltre che nel resto d’Italia, ma anche per le Regionali. Al seggio elettorale è necessario portare con sé sia ​​la tessera elettorale che un documento di identità in corso di validità. Chi ha smarrito la tessera può richiederne il duplicato presso gli uffici comunali, prima di recarsi ai seggi.

Quando voti

Le votazioni si svolgono solo domenica 25 settembre, dalle ore 7 alle ore 23. All’elettore saranno assegnati 3 scrutini, gialli per il Senato, rosa per la Camera dei Deputati e verdi, solo in Sicilia, per eleggere il presidente della Regione e rinnovare il Assemblea Regionale.

Elezioni regionali, come votare

L’elettore dispone di due voti: uno per la scelta della lista del candidato alla carica di Presidente della Regione; l’altro a scegliere, in ambito provinciale, uno dei candidati alla carica di deputato regionale inseriti nell’elenco. Vale il voto separato per il quale possono votare il candidato alla presidenza di una lista e il candidato alla carica di supplente di un’altra, quindi anche se non collegati tra loro. Se l’elettore non vota per il candidato alla presidenza ed esprime validamente il suo voto solo per il deputato, il voto si intende espresso anche a favore della relativa lista del governatore. Per quanto riguarda il voto di preferenza, si precisa che qualora l’elettore non abbia indicato alcun voto di lista provinciale (deputati) ma abbia scritto la preferenza per i candidati della medesima lista, resta inteso che ha votato per la lista alla quale il favorito .

Errori da non fare

Per essere un voto valido l’elettore non deve commettere errori. Innanzitutto non sovrappone le 3 carte una sopra l’altra quando vota per evitare che il segno si stampi sulla carta sottostante e quindi le annulli. In caso di identità di cognome tra candidati, devono essere sempre scritti nome e cognome e, ove necessario, data e luogo di nascita. Se il candidato ha due cognomi, l’elettore, dando la preferenza, può scriverne uno solo; l’indicazione deve contenere entrambi i cognomi, quando esiste la possibilità di confusione tra più candidati. Sono vietati altri segni o indicazioni, pena l’annullamento del voto espresso. Se l’elettore, senza aver espresso alcun voto di lista, scrive due o più preferenze per candidati appartenenti a liste diverse, si ha nullità del ballottaggio con riferimento al voto della lista provinciale ed eventualmente anche con riferimento alla lista regionale se anche tale voto non è correttamente espresso. È vietato fotografare la scheda elettorale nella cabina elettorale.

Quando inizia il conteggio

In considerazione della concomitanza delle due consultazioni elettorali, lo spoglio e lo scrutinio delle schede elettorali per le elezioni regionali inizierà lunedì 26 settembre alle ore 14.00. Gli esiti ufficiali saranno proclamati dagli Uffici Distrettuali Centrali competenti, istituiti presso i Tribunali dei nove comuni capoluoghi, e dall’Ufficio Centrale Regionale, istituito presso la Corte d’Appello di Palermo.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button