Notizie Italia

Rebus giunta Schifani, la soluzione dopo l’attribuzione dei seggi: FdI rivendica tre assessorati

Prima l’assegnazione dei seggi ai parlamentari, poi si comincerà a parlare di nomi per il consiglio regionale anche se il presidente della Regione Renato Schifani vuole accelerare. Ma il “rallentamento” che trapelano alcuni dirigenti FdI non sposta molta attenzione sul mondo dei Meloniani che rivendicherebbero almeno tre consiglieri al governo. A legittimare l’ambizione, oltre la percentuale raggiunta del 16%, concorrerebbe anche l’attesa di un quarto seggio a Palermo, che darebbe ulteriore forza al gruppo che ha lasciato il responso delle urne.

Tra i candidati idonei per un posto nel nuovo esecutivo ci sono Giusi Savarino e Alessandro Aricò, il cui nome concorre anche alla presidenza dell’Assemblea regionale; nomi che si sommano a quelli fatti circolare subito dopo lo scrutinio, quelli di Francesco Scoma (Lega) e Stefania Prestigiacomo (Fi). Se Aricò occupasse il seggio più alto della Sala d’Ercole, si aprirebbero spazi anche per alcuni membri non eletti della FdI. Al di là Brigida Alajmo c’è Francesco Scarpinatoche ha saltato anche l’elezione romana nel plurinominale, ma ha sostenuto la lista per i candidati regionali.

Anche per la successione di Gianfranco Micciché la citazione di Gaetano Galvagno, sempre a quota FdI, e ritenuto vicino a Ignazio La Russa. Ma l’immagine è ancora difficile da decifrare. Perché tra i nomi che circolano per la presidenza Ars ci sono anche quelli di Roberto Di Mauro (Mpa), che da cinque anni ricopre la carica di vicario, e di Ggiorgio Assenza, anche a livello di Fdi, che guidava l’ufficio di polizia. Ma a rivendicare ruoli da protagonista nei Palazzi che si affacciano su Piazza Indipendenza potrebbero esserci anche due grandi successi: Edy Tamajo e Luca Sammartino. Mister 20mila preferenze.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Back to top button