Notizie Italia

Open d’Italia, una buca di spareggio per la vittoria dello scozzese MacIntyre

Dopo le prime giornate caratterizzate da tutti gli ingredienti che possono favorire lo spettacolo di un torneo, il finale ha promesso grandi emozioni, e così è stato: sul percorso del Marco Simone Golf & Country Club (par 71) a Guidonia Montecelio (Roma) , la 79a edizione degli Open d’Italia è andata – dopo una buca agli spareggi – a Robert MacIntyre, che con questa vittoria festeggia il suo secondo titolo in carriera al DP World Tour in 85 presenze.

Era dal 1999 che uno scozzese non riusciva ad imporsi agli Open d’Italia. MacIntyre, un 26enne di Oban, un talento mancino di cui la Scozia ha iniziato a parlare in giovane età, ha lottato nel 2022 a inizio stagione. Oggi è esploso con un ultimo giro in 64 (-7), per un totale di -14, superando nei play-off l’inglese Matt Fitzpatrick, numero undici del mondo, che a seguito del brutto spauracchio del 17 deve “accontentarsi” della seconda posizione. Il giovane scozzese è andato subito all’attacco, nell’ultimo round della domenica, piazzando sei birdie nelle prime nove buche.

“Questo significa tutto per me. Tre mesi fa – ha detto – ero a terra, non sapevo cosa fare, non sapevo dove andare. C’era molto lavoro da Mike, il mio caddy, dalla famiglia, dagli amici, da tutti».

Quarta posizione per l’uomo più atteso del weekend, il numero due del mondo Rory McIlroy. Con il punteggio finale di -2 il miglior italiano al termine della gara è stato Edoardo Molinari, 27°. Un po’ al di sotto delle aspettative iniziali del fratello Francesco, uno dei favoriti ad inizio torneo, che partendo questa mattina dalla 13a posizione, ha chiuso 34° con il punteggio di -1. Il romano Filippo Celli chiude il suo primo torneo professionistico al 61° posto con il punteggio di +3. Mazzoli e Michetti 67° con +4, Florioli 74° con +8.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button