Notizie Italia

Omicron 5 resiste al caldo, perchè la crescita dei contagi durerà 2 mesi

L’ondata di Coronavirus, spinta dalla variante Omicron 5, vedrà il picco dei contagi nella seconda parte di luglio. Un’anomalia, rispetto agli altri ceppi che in estate, invece, ne diminuivano l’aggressività. Perché Omicron 5 è resistente al calore?

Omicron resiste al brodo

Omicron 5 è molto contagioso ed è proprio questo aspetto che fa sì che il virus si diffonda anche all’aperto dove si vive maggiormente nella stagione estiva. Il presidente del Consiglio superiore della sanità, Franco Locatelli, ha sottolineato come la grande contagiosità sia dimostrata anche dalla capacità di colpire chi è già stato contagiato. “Abbiamo tassi di reinfezione dell’8,4%, ricordo che nel periodo in cui circolava Delta eravamo al 2%” e poi fa notare che c’è anche “un aumento virale dovuto alla mancanza di misure di protezione”.

Omicron 5, picco a luglio

Per capire quanto dura è necessario osservare cosa è successo in Portogallo, uno dei primi paesi ad essere interessato dalla variante. La curva dei contagi è salita per poi diminuire in 2 mesi, quindi se in Italia i contagi sono aumentati vertiginosamente dall’inizio di giugno, allora si prevede che entro fine luglio il numero dei casi scenderà nuovamente. Secondo Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società delle Malattie Infettive, è difficile «stabilire quanto durerà, ma non è certo un’onda che verrà fermata dal caldo e in estate continueremo ad avere tanti casi “.

Omicron 5, meno grave delle altre varianti

Omicron 5, rispetto alle altre varianti, sembra avere sintomi meno gravi e questo, secondo gli esperti, è perché il virus è cambiato, attacca maggiormente le vie aeree superiori e non scende nei polmoni. Il problema più grande riguarda le persone fragili, le persone affette da malattie croniche e gli anziani, che possono ancora sviluppare forme gravi.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button