Notizie Italia

Miss Italia, le rivali delle siciliane: Marta ha sconfitto il tumore, Gaia è figlia di Guendalina Cavassi

Fissata la data delle prefinali nazionali di Miss Italia: dal 16 al 18 settembre. La finale, invece, si svolgerà dopo le elezioni del 25 settembre. Dopo due anni di assenza a causa della pandemia, Miss Italia torna a presenziare alle prefinali nazionali che porteranno a Fano, provincia di Pesaro Urbino, 197 ragazze, vincitrici dei titoli regionali assegnati nel corso di 350 selezioni in tutta Italia. È un ritorno nelle Marche: San Benedetto del Tronto ha ospitato le prefinali dal 1998 al 2005 e per la prima volta la competizione arriva a Fano. Secondo quanto affermato dalla patron Patrizia Mirigliani, durante la conferenza stampa di presentazione alla quale ha partecipato anche Miss Italia 2021, la fidanzata di Scampia Zeudi Di Palma, «il ritorno delle prefinali presenti è motivo di felicità per tutti. Le meravigliose serate vissute durante tutta l’estate con il pubblico accorso da loro rappresentano un importante segnale di ripresa e rinascita dopo gli anni difficili del Covid. Il Paese è alle prese con tante difficoltà, ma le ragazze si sono dimostrate consapevoli e responsabili e la competizione ha l’opportunità di presentare un gruppo rappresentativo delle nostre giovanili davvero di alto livello».

In gara undici siciliane: Giulia Vitaliti, 23 anni, di San Giovanni la Punta, con il titolo di Miss Sicilia, Annamaria La Rosa, ventitrè di Capo d’Orlando (Miss Sorriso Sicilia), ventuno Anastasia Pellegrino di Santa Margherita Belice (Miss Kissimo Biancaluna Sicilia), la ventiduenne Meny Sorbello di Zafferana Etnea (Miss Eleganza Sicilia), Anita Lucenti, diciannovenne di Modica (Miss Cinema Sicilia), Lucrezia Di Matteo, 28 anni, di Ragusa (Miss Ragusa Barocco), Alice Carbonaro, ventuno di Messina (Miss Isola del Sole), Gloria Taormina diciottenne di Catania (Miss Rocchetta Bellezza Sicilia), Laura Torre, 19 anni, di Falcone (Miss Sport Givova Sicilia), diciotto- la palermitana Chiara Benigno (Miss Miluna Sicilia) e la ventunenne messinese Gloria Calapaj (Miss Social Sicilia).

Escono intanto alcune curiosità sulla quantità di concorrenti che via via si stanno completando con le ultime prove di selezione nelle varie regioni. Si scopre che in corsa c’è una ragazza che ha sconfitto il tumore. Si chiama Marta Fenaroli, ha 21 anni ed è bresciana. Si presenta con il titolo di Miss Miluna Lombardia conquistata nella prova che si è svolta a Palazzo Lechi, a Calvisano, nella sua provincia, Brescia. Ha detto alla stampa che vuole portare la sua storia e un messaggio a Miss Italia: il cancro si può sconfiggere. La sua malattia l’ha colpita quando era impegnata con gli esami del liceo. “Sono passata dall’odiare con tutte le mie forze il mio corpo che mi aveva abbandonato per poi usarlo per vendicarmi”, ha dichiarato alla Corriere della Sera. Marta Fenaroli, che nei mesi scorsi ha terminato le sue terapie, studia Medicina al San Raffaele di Milano. La madre di Marta, Zoraima, ha frequentato Miss Italia nel 1991, anno in cui ha vinto Martina Colombari, moglie di Billy Costacurta.

Tra le ragazze in gara c’è anche la romana Gaia Nicolini (classe 2004, 18 anni). È la figlia dell’ex gieffina Guendalina Tavassi e arriva alle prefinali come Miss Cinema Roma. Il padre è Remo Nicolini, ex compagno di Guendalina. Dopo aver vinto la fascia valida come pass per le prefinali, Gaia Nicolini ha espresso tutta la sua gioia sui suoi social: «Posso solo dire grazie. Sono super eccitato e ancora non credo ai miei occhi. È stata la mia prima esperienza e devo dire che è stata davvero fantastica. Dedico questa vittoria alla mia famiglia e ai miei fratelli che sono tutto per me. Ti amo”. Poi l’italo-brasiliana Glelany Cavalcante, 28 anni e alle prefinali di Fano, giocherà in casa con la fascia Miss Marche 2022.

Di siciliani abbiamo già scritto su Gds.it. Anche tra loro emergono storie singolari, come nel caso di Miss Sicilia Giulia Vitaliti, che compare nella classifica dei tiktoker più seguiti in Italia ed è anche una giocatrice di pallavolo a livello agonistico, o in quella di Lucrezia Di Matteo, che lavora facendo volontariato attraverso la terapia comica presso il centro per l’autismo della sua città.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Back to top button