Notizie Italia

Meduse, ustioni, otiti: ecco il vademecum salva estate per chi va al mare con i più piccoli

Non solo colpi di calore e scottature sulla spiaggia, ma anche contatto con meduse, otite del nuotatore e punture di insetti: le vacanze portano anche dei rischi, che è importante tenere a mente per non farsi cogliere impreparati.

Tra quelli più spesso ignorati ci sono quelli per gli occhi. “Oltre ad evitare l’uso delle lenti a contatto per il bagno, gli occhiali da sole devono essere usati, anche nei bambini, per proteggere l’occhio dai raggi UVA. Questi – spiega Matteo Piovella, presidente della Società Oftalmologica Italiana (Soi) – sono esaltati dal riflesso dell’acqua e della sabbia, provocando congiuntivite attinica o fotocheratite, ovvero un’ustione della cornea, che si manifesta con dolore, sensibilizzazione, occhi rossi intorno il loro è. Se ciò accade, è necessario intervenire tempestivamente con terapie adeguate. Inoltre, il caldo estremo fa evaporare il film lacrimale, creando irritazioni, evitabili con gocce lubrificanti».

Nascosti nel mare nella sabbia, i pianti sono compagni di bagno in molte località. In caso di puntura le spine vanno rimosse e la zona interessata immersa in acqua calda perché le tossine urticanti sono termolabili. In caso contrario, è possibile utilizzare sabbia calda, ma senza ghiaccio o ammoniaca (pipì).
Se si entra in contatto con una medusa, spiega il sito IsSalute dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss), bisogna “controllare che non ci siano parti attaccate, rimuoverle con un cartoncino di plastica rigida raschiando la pelle. Sciacquare la parte con acqua di mare, non utilizzare acqua dolce. Quindi fare degli impacchi freddi e applicare un gel di cloruro di alluminio».

In spiaggia, sugli scogli o nell’erba, è sconsigliato camminare a piedi nudi, sia per la presenza di oggetti appuntiti che per la possibilità di imbattersi in zecche, che può essere un veicolo per infezioni, come la malattia di Lyme. Nidificano nelle pieghe della pelle e vengono delicatamente estratti con una pinzetta.
Per le passeggiate in campagna è necessario avere le gambe coperte da calzoni o calzini lunghi, e battere il terreno con un bastoncino, per evitare il morso della vipera: in tal caso, immobilizzare l’arto, evitare incisioni o succhiare e fatti portare il prima possibile in ospedale.
Tra i disturbi dell’estate, soprattutto tra i bambini e gli appassionati di immersioni, ci sono le otiti causati da infezioni batteriche o fungine del sistema uditivo: per chi è sensibile al problema, i tappi in silicone sono utili per fare il bagno.
I cespugli di more e fiori nascondono vespe e calabroni: in caso di punture togliete la puntura, “applicate del ghiaccio ed evitate i medicinali fatti in casa come aceto o bicarbonato”, spiega IsSalute. Alcuni possono essere allergici: in caso di vertigini o difficoltà respiratorie rivolgersi al pronto soccorso.
Valigie chiuse, pronte per partire: che sia in auto o in aereo, ricordati di portare i tuoi farmaci nella borsa e di non lasciarli in valigia dove potrebbero essere esposti a temperature troppo elevate che li danneggiano.
Se la crema solare per andare al mare è d’obbligo per evitare scottature, è meno scontato ricordarsi di portarla nelle escursioni in montagna e di usarla prima di mettersi alla guida della propria auto.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button