Notizie Italia

Mattarella respinge le dimissioni di Draghi e lo rimanda alle Camere

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha respinto le dimissioni del Consiglio Mario Draghi. Pochi minuti fa il premier ha annunciato ai ministri che sarebbe salito al Colle per dimettersi nelle mani del presidente. Matttarella, invece, ha invitato Draghi a venire in Parlamento per fare comunicazioni, affinché nella propria sede si svolga una valutazione sulla situazione sorta a seguito dei risultati della seduta tenutasi oggi al Senato della Repubblica.

L’annuncio delle sue dimissioni

«Voglio annunciare che stasera rinuncerò alle mie dimissioni nelle mani del Presidente della Repubblica. Le votazioni odierne in Parlamento sono molto significative da un punto di vista politico. La maggior parte dell’unità nazionale che ha sostenuto questo governo sin dalla sua creazione è scomparsa. “Sono le comunicazioni del presidente del Consiglio, Mario Draghi, al Consiglio dei ministri.

Continua Draghi: «Il patto di fiducia alla base dell’azione del governo è fallito. In questi giorni, da parte mia, c’è stato il massimo impegno per continuare sulla strada comune, cercando anche di venire incontro alle esigenze che mi sono state avanzate dalle forze politiche. Come risulta dal dibattito e dal voto di oggi in Parlamento, questo sforzo non è stato sufficiente. Fin dal mio discorso di inaugurazione in Parlamento ho sempre affermato che questo esecutivo andrebbe avanti solo se ci fosse una chiara prospettiva di poter realizzare il programma di governo sul quale le forze politiche avevano votato la loro fiducia. Questa compattezza è stata fondamentale per affrontare le sfide di questi mesi. Queste condizioni non esistono più. Vi ringrazio per il vostro lavoro, i tanti risultati raggiunti. Dobbiamo essere orgogliosi di ciò che abbiamo realizzato, in un momento molto difficile, nell’interesse di tutti gli italiani. Grazie”.

Le reazioni

“Draghi ha fatto bene, nel rispetto delle istituzioni: nessuno fa finta di niente dopo il voto di oggi. I grillini hanno fatto male anche questa volta al Paese. Stiamo lavorando per un Draghi-Bis da qui ai prossimi mesi per finire i lavori su Pnrr, legge di bilancio e situazione ucraina». Così vive sui social il leader italiano Matteo Renzi.

Se cade il governo Draghi, l’Italia sarà il terzo Paese ad entrare dopo Francia e Gran Bretagna in una situazione di profonda difficoltà. Il mio accorato appello è che nei prossimi giorni riusciremo a trovare le ragioni per fidarsi del governo Draghi». Lo ha detto Enrico Letta al convegno Il commercio internazionale nel nuovo scenario della globalizzazione della Fondazione Aristide Merloni a Portonovo.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button