Notizie Italia

Martorana: “Va approvata subito la legge sulle attività produttive per aiutare le imprese siciliane”

“Per aiutare le imprese in difficoltà, la nuova giunta regionale approva la legge sulle attività produttive e sul commercio. Questo disegno di legge, pur essendo stato preparato, non è mai stato votato in aula, eppure rappresenta un’esigenza per il territorio. Chiedo: è è una mancanza di volontà politica?”, ha detto Cettina Martorana, già assessore alle attività economiche del Comune di Palermo e scelta da Caterina Chinnici come candidata indipendente nella lista del Pd alle prossime elezioni per il rinnovo dell’Assemblea regionale Siciliana , intervenuto questo pomeriggio a Villa Malfitano a Palermo per confrontarsi con i candidati alla Camera, al Senato, alla Presidenza della Regione e all’ARS, organizzato dall’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Palermo.

“Ho faticato – ha proseguito Martorana – per riuscire a modificare il famoso articolo 5 del Piano Regolatore Generale secondo il quale è vietata la costituzione di strutture di vendita di medie e grandi dimensioni in varie zone di Palermo. Divieti che, uniti alla crisi pandemica e agli alti costi energetici, stanno uccidendo molti quartieri. Sono state escluse dal centro le medie e grandi imprese ed è stata autorizzata solo la costituzione di piccole imprese. Una scelta non lungimirante perché i grandi attirano i compratori anche a vantaggio dei piccoli”.

Per Martorana le soluzioni sono due: “O si cambia il piano generale – ha detto – o si attua una modifica legislativa dall’alto. La Regione aveva previsto la soluzione al problema ma restava solo un disegno di legge. Intanto le nostre piccole imprese muoiono e i nostri ragazzi sono costretti a trovare lavoro fuori dalla Sicilia. Dobbiamo cambiare ritmo”.

Martorana poi fissa l’agenda politica: “Dobbiamo lavorare sulla digitalizzazione, sulla transizione ecologica, sulla creazione di un polo regionale dell’innovazione e soprattutto garantire la corretta gestione dei fondi Pnrr. Dobbiamo essere in grado di rispondere come risolvere le bollette costose e la soluzione è l’efficienza energetica degli edifici. Lo strumento superbonus è una delle autostrade. E noi ragionieri – ha sottolineato Martorana rivolgendosi ai colleghi presenti – siamo coinvolti in prima linea nella corretta adozione di questo strumento rilasciando un visto di conformità”.

“In questo processo di rigenerazione della Sicilia, mi auguro che sempre più colleghi ragionieri mettano le proprie competenze al servizio della collettività”, ha concluso Martorana.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button