Notizie Italia

Maltempo, comuni isolati nel Palermitano e nell’Agrigentino: l’appello dei sindaci

Ancora disagi dovuti al maltempo in Sicilia per il tornado che ieri ha colpito l’isola. Questa mattina i sindaci dei comuni colpiti chiedono interventi per liberare dal fango le strade provinciali, come la 12 che collega i comuni di Palermo e Agrigento e la 107, ancora impraticabile dopo le piogge del 2021.

Il sindaco di Contessa Entellina, Leonardo Spera, ha diffuso tramite Facebook un messaggio sottolineando l’assoluta impossibilità di arrivare in paese, fatta eccezione per alcune strade provinciali ma non le principali.

Danni in provincia di Trapani

Una vera e propria bomba ad acqua ha colpito nella notte la provincia di Trapani e ha causato ingenti danni, soprattutto a Mazara del Vallo, dove a causa della forte pioggia battente che non ha dato tregua per oltre due ore diversi cittadini in transito per le vie del centro sono stati bloccati con acqua alta, ben al di sopra del livello dei marciapiedi. Alberi sradicati, mentre fiumi di fango e inondazioni hanno interessato anche alcune cantine e garage, costringendo i proprietari a correre ai ripari.

Ma la situazione più complessa è stata vissuta all’interno del pronto soccorso dell’ospedale Abele Ajello, che è stato allagato, con fiumi d’acqua sulle scale della struttura sanitaria e disagi per gli utenti. Inondazioni e precipitazioni violente, talvolta sotto forma di grandine, anche a Castelvetrano ed Erice. L’allerta meteo, soprattutto per quanto riguarda la Sicilia occidentale, proseguirà anche per l’intera giornata di sabato.

“Musumeci dichiara lo stato di allerta”

“Il nubifragio che ha colpito la città ieri sera, dopo l’alluvione avvenuta nella notte tra domenica e lunedì scorso, ha causato ulteriori danni alle attività commerciali, in particolare nella zona di via Virgilio e corso Piersanti Mattarella a Trapani”. Lo afferma Dario Safina, (Pd), che ha chiesto al presidente della Regione, Nello Musumerci di dichiarare “immediato lo stato di emergenza.
per le città della Sicilia occidentale colpite da violenti temporali. Siamo in una situazione difficile – ha detto – sia per la gestione del giornale negli enti locali sia per l’età delle infrastrutture, e non possiamo rimandare una decisione necessaria”.

“Un provvedimento non rinviabile all’insediamento del prossimo governo regionale eletto che, proprio per gli eventi degli ultimi dieci giorni, si rivela irrevocabile”. responsabilità del mantenimento idrogeologico del territorio”.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Back to top button