Notizie Italia

La Uilca ai candidati regionali: quali proposte e progetti per il credito in Sicilia?

“Il quadro politico delle prossime elezioni regionali è finalmente definito, almeno per quanto riguarda i nomi dei candidati a Governatore della nostra regione. Abbiamo chiesto ai candidati, quindi, quali sono le loro proposte e progetti di credito in Sicilia”. Lo ha dichiarato Giuseppe Gargano, segretario generale della Uilca Uil Sicilia, la Federazione della Uil che rappresenta i lavoratori bancari – pubblicani e assicuratori, inviando una lettera aperta all’aspirante Presidente della Regione Sicilia e dichiarandosi disponibile a ogni possibile confronto e contributo.

“Preoccupa sotto vari profili il dato dei 131 comuni siciliani (rapporto Banca d’Italia) senza sportello bancario, in termini di sviluppo del territorio e rilancio occupazionale, ripresa degli investimenti delle imprese e recupero di una visione del futuro per le famiglie, la possibilità per i giovani di realizzare idee e progetti imprenditoriali produttivi, per contenere l’usura in un contesto reso ancora più difficile dalla pandemia – si legge nella lettera -. Crediamo sia fondamentale, per salvare il futuro della nostra Sicilia, che la politica e le istituzioni fanno la loro parte con idee, progetti e interventi concreti volti ad arginare il processo di desertificazione bancaria in Sicilia garantendo una presenza delle banche nei territori e una gestione del credito adeguata alle peculiarità siciliane.A nome dei nostri rappresentanti, per consentire loro di scegliere il Governatore della Sicilia sulla base di impegni concreti”.

“Vi chiediamo le proposte e i progetti che intendete mettere in atto per porre fine alle chiusure di filiali e all’uscita di centinaia di dipendenti ogni anno non retribuiti da nuove assunzioni – prosegue la lettera – Vi chiediamo come intendete agire in nome della legalità per contrastare il diffuso fenomeno dell’usura, ci chiediamo come si agirà in nome di una ripresa della crescita in Sicilia per la quale è fondamentale un credito forte e presente Siamo fiduciosi, come cittadini, come lavoratori e come parti sociali che le risposte adeguate saranno raggiunte alle nostre domande almeno entro il 25 settembre”.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Back to top button