Notizie Italia

La Svezia riapre la caccia ai lupi: sono troppi e uccidono le renne

In Svezia si stima che siano in tutto 460 lupi, ma il prossimo inverno sarà dura per loro: il governo ha infatti deciso di concedere ai cacciatori il permesso di abbatterli per portare il numero di esemplari tra 170 e 270. Cifre che farebbero il paese scandinavo è uno degli stati europei con il minor numero di questi canini predatori, di cui l’Italia vanta 3.300 esemplari e Polonia, Spagna e Romania circa 2.500.
La decisione, fortemente voluta dai partiti di centrodestra, è una conseguenza dei danni causati dai lupi nelle zone rurali, soprattutto per il popolo Saami, che vive nel nord della Svezia e che ogni anno perde numerose renne, sul cui allevamento le loro si basa l’economia. .
L’associazione dei cacciatori aveva già da tempo chiesto una riduzione del numero dei lupi: «In inverno ci sarà una grande caccia al lupo. I segnali del governo sono chiari. Il numero di lupi deve diminuire e per invertire la tendenza dovremo sparare a circa 100 lupi in inverno “, ha affermato Gunnar Glöersen dell’associazione di caccia dell’agenzia TT.
L’ultima volta che è stata presa una decisione così drastica è stata nel 1890. Guillaume Chapron, un ricercatore francese allo Slu, l’università svedese di studi agrari, sostiene che “sarebbe strano se la Svezia avesse il minor numero di lupi in Europa.” « Il problema principale in Francia sono i conflitti con i pastori che pascolano le pecore, ma i tribunali francesi interpretano la legge a favore della tutela ambientale, contrariamente a quanto deciso in Svezia».

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Back to top button