Notizie Italia

La proroga nelle ex Province bocciata a Roma, Falcone: «Rinviare sempre un errore madornale»

«Siamo stati tra i pochi a dirlo senza alcun timore: rimandare le elezioni delle ex province alle calende greche è stato un grosso errore, commesso trasversalmente dalle forze politiche dell’Ars, di destra e di sinistra indistintamente. Oggi, purtroppo, arrivano parole dure da Palazzo Chigi che, censurando quella decisione superficiale e bipartisan dell’aula, ha deciso di impugnare la legge». Così il riconfermato deputato Ars di Forza Italia Marco Falcone, consigliere regionale uscente, commentando la contestazione del Consiglio dei ministri sulle regole contenute nella variazione di bilancio della Regione Siciliana che ha disposto la proroga al 2023 dei commissari delle ex Province.

Foto di gruppo all'ultima riunione del Consiglio dei ministri presieduto da Mario Draghi

«Il ripetuto rinvio delle elezioni, seppur di secondo livello, delle città metropolitane e dei liberi consorzi – sottolinea il precursore Falcone – è in contrasto con l’articolo 1 della nostra Carta e dei suoi fondamenti democratici, oltre ad essere al di fuori di ogni principio di ragionevolezza. Ora , come già auspicato dal presidente Renato Schifani, ci auguriamo che con l’avvio della nuova legislatura si esegua subito il riordino degli organi intermedi e poi si ripristini la rappresentanza democratica nelle ex province siciliane”, conclude Falcone.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Back to top button