Notizie Italia

La polizia blocca un rave party a Mazzarino: 70 identificati. Erano arrivati pure dal Nord

Centinaia di giovani che avrebbero dovuto partecipare a un rave party in una zona demaniale del quartiere Raffo Rosso, nel territorio di Mazzarino, in provincia di Caltanissetta, sono stati fermati dalla polizia prima dell’inizio della manifestazione. Dopo aver monitorato le piattaforme social, gli agenti della Squadra Mobile e della Questura di Niscemi hanno intercettato l’esatta localizzazione del rave party, lanciato con indicazione della posizione geografica sui siti social della zona nei pressi della diga “Cimia”, e trovato la presenza di decine di partecipanti provenienti da tutta Sicilia, Liguria e Piemonte, giunti con camper, camion e mezzi privati, a prendere parte all’evento.

Centinaia di persone sono bloccate sulla strada per Raffo Rosso

Almeno altre cento persone sono state impedite di raggiungere il rave grazie ai posti di blocco della polizia organizzati nelle strade di accesso alla zona. Nella sede del rave era già stato allestito un palco con un impianto di amplificazione alimentato da generatori e diverse tende da campeggio sparse nell’area circostante. Immediate le operazioni di evacuazione disposte dall’assessore alla carica e il prefetto seguiva costantemente l’evolversi della situazione. Centinaia di forze dell’ordine sul campo. Tutta l’area è stata presidiata e le strade di accesso all’area sono state bloccate con l’aiuto della Polizia Stradale e dei Carabinieri.

Gran parte dei partecipanti aveva una storia

Durante le operazioni sono stati individuati settanta partecipanti, arrivati ​​a bordo di cinque camper, quattro camion e una ventina di auto. Molti di loro hanno anche precedenti specifici per aver partecipato ad altri “rave party” in diverse regioni del territorio nazionale. Lo sgombero della zona è andato senza disordini. Intorno a mezzanotte tutti i partecipanti hanno lasciato il sito scortati dalle forze dell’ordine al limite delle province di Catania e Agrigento.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button