Notizie Italia

La morte della nonna regina riunisce William ed Harry dopo il lungo gelo

Dopo il lungo gelo tra i due fratelli, un tempo così uniti, ieri c’è stato il riavvicinamento in cui molti, dentro e fuori la famiglia reale britannica, speravano. Il principe William, da poco divenuto erede al trono, e il “ribelle” Harry, si sono incontrati insieme alle rispettive mogli, Kate e Meghan, per ammirare i mazzi di fiori lasciati davanti all’ingresso del Castello di Windsor in memoria e in onore della nonna, la regina Elisabetta, e ringraziare le migliaia di persone affollate lungo la strada che porta alla residenza.

Sicuramente il primo discorso del re pronunciato da Carlo III, in cui invocava l’appoggio del figlio primogenito Guglielmo e di sua moglie, divenuta Principe e Principessa di Galles (la prima ad usare il titolo dopo Diana), ma allo stesso tempo pronunciava parole pubblico di “affetto” anche nei confronti del secondogenito Harry e della moglie Meghan. Con la “reunion” a Windsor furono smentiti i tanti gossip circolati anche nei tabloid britannici, secondo cui lo stesso Carlo avrebbe chiesto a Harry di non portare la moglie al castello di Balmoral, a causa del passato conflittuale con i Windsor, invano tentare di salutare la nonna sul letto di morte.

E invece sembra decisivo sia il dolore per la perdita di una figura così importante per i principi, sia il discorso pacifista del sovrano. Anche oggi Guglielmo nel primo comunicato dopo la morte del sovrano disse: per onorarne la memoria “sosterrò mio padre, il re, in ogni modo possibile”. Il riavvicinamento è sorprendente se si pensa alle polemiche mai placate e recentemente rinnovate intorno a Harry e Meghan, sfuggiti spontaneamente al loro status di membri anziani della Famiglia Reale in seguito allo strappo traumatico del 2020 e al trasferimento definitivo negli USA . Ma anche alle forti tensioni tra i duchi di Cambridge (ora anche di Cornovaglia) e quelli del Sussex. Il nuovo re ha già dato una certa impronta unitaria e assegnato i ruoli a una famiglia reale che deve essere coesa se vuole superare la perdita del pilastro che la sorreggeva e allo stesso tempo teneva in piedi la monarchia.

Molto importante era il ruolo di Kate, che divenne Principessa del Galles, titolo che nessuno aveva usato dopo la morte di Lady D. Tanto meno Camilla, la nuova regina consorte, che pur avendone i diritti non aveva osato assumerlo per rispetto della figura di Diana e per evitare possibili polemiche. Ora per Catherine, questo è il suo nome completo, è giunto il momento di assumere un nuovo importante ruolo pubblico, che secondo alcune fonti intende interpretare in modo originale e moderno, con un implicito riferimento all’eredità di Diana, ma tutto dentro determinati limiti. Un po’ definito da William nella sua dichiarazione di ieri, quando dice che sua moglie ha avuto “vent’anni di guida e sostegno” da Elizabeth.

Intanto il Principe di Galles, come indicato dal padre, ha l’impegno di gestire i beni di famiglia, rappresentati tra l’altro dalle vaste proprietà del Ducato di Cornovaglia ma anche di seguire le tante cause difese da Carlo in precedenza, dalle attività benefica per l’ambiente, impegnandosi nel sociale a favore di coloro che provengono da contesti svantaggiati. William e Kate saranno sempre più attivi sul fronte di un prudente ammodernamento per dare un’idea di una monarchia al passo con i tempi e di una famiglia reale capace, come abbiamo visto oggi, anche di mettere a tacere l’orgoglio.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button