Notizie Nazionali

Italy’s No. 2 most-wanted mobster is extradited from Brazil


Un mafioso condannato, uno dei latitanti più ricercati d’Italia e presumibilmente uno dei più potenti trafficanti di droga del mondo, è arrivato a Roma mercoledì, estradato dal Brasile dopo 28 anni di latitanza.

Rocco Morabito ha ricoperto la posizione n. 2 nella lista dei mafiosi più ricercati e pericolosi d’Italia. È stato condannato due decenni fa in contumacia per traffico di droga nell’ambito del sindacato della criminalità organizzata ‘ndrangheta, che fa miliardi di euro (dollari) in affari di cocaina.

La polizia italiana lo descrive come uno dei principali mediatori di droga del mondo. Morabito, 55 anni, deve scontare una pena detentiva di 30 anni dopo essere stato condannato in contumacia da un tribunale di Milano nel 2001.

È stato arrestato nel maggio 2021 dalla polizia brasiliana in un’operazione congiunta con investigatori italiani e statunitensi. Morabito era stato arrestato in Uruguay nel 2017, ma è scappato di prigione due anni dopo.

La polizia italiana lo cerca dal 1994.

I pubblici ministeri antimafia calabresi affermano che Morabito ha svolto un ruolo importante nel traffico di cocaina tra il Sud America e Milano, un punto chiave di distribuzione della droga da vendere altrove in Italia e in tutta Europa.

Oltre al traffico di droga, Morabito è stato condannato in Italia per associazione mafiosa.

Quando è stato catturato nel 2017 in Uruguay, Morabito viveva in una villa di lusso in una località balneare usando uno pseudonimo e un passaporto brasiliano falso, hanno detto le autorità dell’epoca. Durante il suo arresto in un hotel di Montevideo, la polizia ha anche sequestrato una pistola da 9 mm, 13 telefoni cellulari e una scorta di contanti, oltre a una coupé Mercedes.

Ancora il numero 1 nell’elenco dei boss mafiosi più ricercati in Italia è Matteo Messina Denaro, considerato ancora al potere in Cosa Nostra in Sicilia nonostante sia latitante dal 1993.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button