Notizie Italia

In Commissione parlamentare Antimafia bocciata la relazione sul Sistema Montante

Il presidente della commissione nazionale antimafia, Nicola Morra, è un fiume in piena dopo la mancata approvazione del rapporto sul «Sistema in aumento». Si parla di “cappuccio di piombo” che tuttora persiste sulle vicende che hanno coinvolto l’ex campione antimafia Antonello Montante, ex presidente degli industriali siciliani.

«C’è un mantello plumbeo, un muro di silenzio che circonda una trama di relazioni tossiche, una mafia trasparente, come l’ha definita nella sentenza il giudice di primo grado del processo Montante, che si è infiltrata in molte pubbliche amministrazioni mettendo a rischio la credibilità delle istituzioni repubblicane e il controllo del territorio da parte dello Stato stesso», ha dichiarato il senatore Morra, al quale è stato chiesto di ritirare la relazione per non sottoporla al voto.

«Sono state approvate tutte le relazioni tranne quella dedicata al sistema Montante – ribadisce Morra -, sarà proprio chi dovrà lavorare con la prossima commissione impegnata a valutare se questa relazione, che comunque è allegata alla relazione finale, rifiuto meritato o meno”. Pertanto, l’unico rapporto che non è stato approvato. «Non per un motivo di merito», spiega Piera Aiello, membro della commissione, «ma per un motivo di metodo».

L’onorevole Aiello parla di una relazione “sbilanciata” senza rispettare l'”audiatur et altera pars”, ovvero il contraddittorio. «Chi lo vorrà potrà prendere in mano questo rapporto – dice Aiello – e continuare un lavoro iniziato. Questo è solo l’inizio di un lavoro». Parla anche del presidente della commissione Nicola Morra, al quale contesta il ruolo dell’uomo solitario al volante. «Non ha chiesto l’aiuto di nessun assessore, non si è formato un comitato di tutte le forze politiche, almeno un membro per partito – continua -. È giusto che si vada a sentire il contraddittorio non c’era tempo perché il caduto il governo, beh i colleghi della prossima legislatura continueranno se vorranno. Approvare significa assecondare e assecondare significa sapere tutto bene».

La sezione della relazione relativa al “Sistema Rising”, illustrata dal presidente Nicola Morra, è stata bocciata da tutti i gruppi, a parte la senatrice Margherita Corrado Cal-Alternativa che ha dichiarato voto favorevole e il senatore Giovanni Endrizzi del Movimento Cinque Stelle che si è astenuto . Sono state approvate le altre sezioni della relazione finale, una trentina di relazioni tematiche basate sul lavoro svolto dai vari comitati in cui è suddivisa la commissione. La commissione antimafia sulla questione Montante ha fatto tappa anche a Caltanissetta dove tutto ha avuto inizio, l’1 e il 2 marzo 2022. Per una serie di udienze si sono sentite polizia e giornalisti. Questa mattina alle 10.30 presso la Camera dei Deputati, Sala del Refettorio, sarà presentato alla stampa il rapporto finale della commissione antimafia.

Per il senatore Luigi Vitali, capogruppo di Forza Italia in commissione antimafia, «dopo una gestione autoreferenziale e personalistica della Commissione antimafia bicamerale, il presidente Nicola Morra conclude in gloria la sua esperienza. In assenza dei gruppi di centrodestra, il rapporto finale è stato sonoramente bocciato, a dimostrazione di quanto parziale fosse la sua gestione. Sono state infatti approvate tutte le altre segnalazioni dei comitati della stessa Commissione antimafia”.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button