Notizie Italia

Il voto in Sicilia, Barbara Floridia pronta a candidarsi se salta l’intesa tra Pd e M5s

Il “no” agli inceneritori è uno dei nove punti che il M5 sta definendo e sottoporrà agli alleati. Anzi a Caterina Chinnici: è lei la vincitrice delle primarie del 23 luglio per il movimento di Conte «il garante», perché «l’alleanza progressista non c’è più dopo che il Pd ha deciso di romperla a livello nazionale». Serve quindi “un nuovo patto” e “i nove punti che stiamo definendo – spiega il referente regionale del M5s Nuccio Di Paola – saranno fondamentali per proseguire”. Altrimenti, aggiunge Di Paola, “faremo altre scelte”. Si delinea il piano b: il M5 correrà con un proprio candidato. Il nome più scontato sarebbe quello di Barbara Floridia, che è arrivata dietro a Chinnici nelle primarie.

“L’assemblea plenaria del M5S Sicilia insieme a Giuseppe Conte ha scelto di sottoporre alla coalizione un documento in cui verranno indicati i punti non negoziabili: tutela ambientale, economia circolare, salute pubblica, inclusione sociale, ecc. sulla forza dell’alleanza anche in Sicilia. Dobbiamo essere cauti. Per questo abbiamo sviluppato questa proposta, che il nostro rappresentante regionale Nuccio Di Paola presenterà agli alleati e alla candidata alla presidenza Caterina Chinnici ”, sottolinea il deputato di Ars Giampiero Trizzino.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button