Notizie Italia

Il Milan riparte con un poker, colpo Atalanta

Il Milan riprende da dove aveva interrotto e conquista i primi 3 punti del nuovo campionato da campione italiano. Lo fa battendo un’Udinese discreta, sconfitta per 4-2 con qualche angoscia iniziale: Becao apre, Theo e Rebic ribaltano tutto prima del nuovo pareggio di Masina, poi nella ripresa si decidono i lampi di Brahim Diaz e ancora Rebic. A San Siro va in scena l’inizio della stagione e una gara di fuochi d’artificio, con i friulani che passano inaspettatamente dopo appena un minuto e mezzo, grazie al colpo di testa di Becao su corner di Deulofeu. Il tempo di scuotersi un attimo e i rossoneri lo ribaltano in una manciata di minuti, prima con il rigore di Theo (fallo di Soppy su Calabria punito dal Var) poi con la fiammata di Rebic su assist dello stesso Calabria. Dopo un primo quarto d’ora di fuoco il ritmo rallenta ma gli ospiti non abbandonano il match, sprecando una buona occasione con Deulofeu prima che Masina trovi il colpo di testa del 2-2 a ridosso dell’intervallo. Nemmeno il tempo di rientrare dagli spogliatoi e il Milan torna subito in avanti: questa volta Masina sbaglia la respinta difensiva e regala a Brahim Diaz il pallone del 3-2. Al 68′ la squadra di Pioli si allunga finalmente grazie alla doppietta di Rebic, che ringrazia Diaz per l’assist e chiude in anticipo i conti.

L’Atalanta piega la Samp

L’Atalanta batte Marassi e si mette in tasca i primi 3 punti della stagione 2022/2023. Una buona Samp battuta 2-0 grazie alle reti di Toloi e del neo acquisto Lookman. Tanta amarezza in bocca per la squadra di Giampaolo, fermata dal Var con alcune recriminazioni in occasione del possibile vantaggio di Caputo, e dai due legni colpiti da Sabiri e Quagliarella. Tutto accade nei primi 25 minuti di gioco, con i padroni di casa che dopo appena 30 secondi realizzano il primo pallonetto grande sull’asse Sabiri-Leris, con il primo che mette davanti alla porta il compagno di squadra, ma Maehle chiude provvidenzialmente. Al 14′ il vantaggio della Samp lo ritroverebbe Caputo, se non fosse per una chiamata del Var a punire un precedente (veniale) contatto tra Leris e Maehle. La Dea è scossa e dopo aver sbagliato un gol clamoroso con Maehle, che colpisce un palo a porta vuota, lo ritrova al 26′ grazie al tocco davanti a Toloi sulla sponda aerea di Pasalic. La partita resta comunque equilibrata e la Samp al 70′ va a un passo dal pareggio con Sabiri, che calcia una punizione dal limite dell’area colpendo il palo alla sinistra di Musso. I liguri non si arrendono e all’83’ toccano ancora la rete, questa volta con Quagliarella sfortunato a pizzicare la traversa quando il portiere viene battuto. In finale l’Atalanta chiude il punteggio sul 2-0 con l’esordiente Lookman, che in contropiede firma il suo primo gol italiano poco dopo averne annullato un altro per fuorigioco.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button