Notizie local

Il caldo alimenta le fiamme, mezza Europa devastata dal fuoco

Diversi paesi europei continuano a lottare contro devastanti incendi boschivi alimentati dalla lunga ondata di caldo che potrebbe battere diversi record di temperatura all’inizio della prossima settimana. Nel sud-ovest della Francia, i vigili del fuoco stanno lavorando per estinguere diversi incendi, in particolare nella Gironda, dove da martedì sono andati in fumo quasi 10.500 ettari di foresta e le temperature potrebbero raggiungere i 40 gradi secondo Meteo-Francia, che domenica ha collocato 37 dipartimenti in allerta arancione per l’ondata di caldo. Il numero delle persone evacuate è salito a 14.000.
Lunedì promette di essere “il più caldo per l’ovest del paese”, prevede Meteo-Francia, che ha previsto 40 gradi in Bretagna, Bassa Normandia, Aquitania e Occitania occidentale. Più nell’entroterra, verso Landiras, l’avanzata di un incendio è stata contenuta rispetto alla notte precedente, passando da 7.000 a 7.100 ettari bruciati, grazie ad una “strategia efficace” e attraverso “l’accensione di fuochi tattici”, ha spiegato. il portavoce dei vigili del fuoco.

Il Portogallo, invece, ha potuto godere di una tregua sui fuochi domenica mattina. Secondo la protezione civile portoghese, un unico grande centro, vicino al comune di Chaves nell’estremo nord del Paese, era considerato attivo e “praticamente sotto controllo” per oltre il 90% del suo perimetro. Tuttavia, quasi tutto il territorio portoghese presenta oggi un rischio di incendi “massimo”, “molto alto” o “alto”, in particolare nelle regioni interne centrali e settentrionali.
Per domenica, l’Istituto meteorologico portoghese non ha emesso allerte rosse per il caldo e questa è la prima volta dall’8 luglio che le temperature in Portogallo non dovrebbero superare i 40 gradi. Secondo l’ultimo rapporto della protezione civile portoghese, gli incendi della scorsa settimana hanno causato due morti, una sessantina di feriti e devastato tra 12.000 e 15.000 ettari di foreste dall’inizio dell’ondata di caldo.
In Spagna, una ventina di incendi boschivi sono ancora in corso e restano fuori controllo in varie parti del Paese, dal sud all’estremo nord-ovest della Galizia, dove gli incendi hanno finora distrutto circa 4.400 ettari di terreno questa settimana. Solo 300 delle 3.000 persone precedentemente evacuate vicino a Malaga sono state autorizzate a tornare alle loro case oggi.
L’Agenzia meteorologica spagnola prevede temperature “significativamente elevate” sulla maggior parte della Spagna continentale e delle Isole Baleari, con il mercurio previsto che raggiungerà i 42 gradi nella città settentrionale di Logroño e i 40 gradi a Madrid e Siviglia.
In Grecia i vigili del fuoco hanno continuato a domare un incendio scoppiato venerdì mattina, che ha provocato l’evacuazione preventiva di sette villaggi in una zona rurale della prefettura di Rethymno, sull’isola di Creta. Emergenza anche nel Regno Unito, almeno fino a martedì. Le autorità hanno dichiarato l’allerta rossa in Inghilterra, dove le temperature saliranno a 40 gradi per la prima volta quest’anno. Da domani allerta arancione anche in Belgiol per un’ondata di caldo che può far salire i termometri fino a 40 gradi nella giornata di martedì.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Back to top button