Notizie Italia

I gol di Leao e Giroud, le paratissime di Maignan: il Milan ribalta l’Inter e vola in testa

Cinque gol, emozioni e infiniti colpi di scena: il primo derby della Madonnina della stagione si tinge di Milan e sorride al Milan, che ha battuto 3-2 l’Inter trascinato da un devastante Leao, autore di doppietta e assist per Giroud. Non bastano invece il momentaneo vantaggio in apertura di Brozovic e il gol della speranza di Dzeko. Pioli vola momentaneamente da solo in testa alla classifica con 11 punti, lasciando Inzaghi a quota 9 e con in tasca il secondo ko della stagione.

In un avvio di gara molto equilibrato, il primo vero punto di partenza sono i nerazzurri con Brozovic, che riceve al limite dopo una buona azione corale e calcia trovando una deviazione in corner. Sarà il centrocampista croato, una decina di minuti dopo, a firmare il vantaggio nerazzurro: Lautaro difende palla con le spalle alla porta e serve Correa, primo assist per Brozovic che si lancia a tu per tu con Maignan e lo tuona per il 1 -0. Passano però appena sette minuti ei rossoneri recuperano sull’1-1 con Leao, che riceve da Tonali e sorprende Handanovic con il mancino dopo un errore in fase di impostazione dell’ex Calhanoglu. Il match si ribalta improvvisamente, l’Inter perde la strada e il Milan prova a sfruttare il momento caldo, sfiorando in almeno due occasioni il controsorpasso con Theo e De Ketelaere. Nel primo quarto d’ora della seconda metà del secondo tempo, la squadra di Pioli mette la freccia e prova l’allungo, trovando il raddoppio con Giroud al 54′ e il terzetto appena sei minuti dopo con un inespugnabile Leao, che semina il panico in area nerazzurra e batte Handanovic 3-1.

L’Inter sembra frastornata, Inzaghi prova a correre ai ripari con un triplo cambio e proprio il neoentrato Dzeko al 67′ riapre il discorso, mettendo nel 3-2 da due passi su assist di Darmian. I nerazzurri si rialzano e pochi minuti dopo sono addirittura a un passo dal pareggio con un colpo di testa di Lautaro parato da Maignan, sontuoso poco dopo anche su un bolide dalla distanza di Calhanoglu. Nel finale i nerazzurri tentano gli ultimi assalti e creano l’ultima occasione con un destro di Mkhitaryan, terminato però per un soffio. Al triplo fischio trionfo milanista.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button