Notizie Italia

Girgenti Acque, nuova inchiesta della Procura di Palermo: sotto accusa 9 manager, ecco i nomi

“Hanno fatto crollare l’azienda”: nuova inchiesta sui vertici di Girgenti Acque. Fallimento fraudolento documentario e distraente: una nuova indagine, dai contorni tutti da chiarire e decifrare, coinvolge i vertici di Girgenti Acque, la società che ha gestito il servizio idrico fino all’assessore dopo l’interdetto antimafia.

La Procura di Palermo ha scoperto, in minima parte, le carte di un’indagine nei confronti di 9 dirigenti di Girgenti Acque contestati da cinque episodi di fallimento, tutti commessi il 4 giugno dello scorso anno nel capoluogo dell’isola. La pm Federica La Chioma ha notificato la richiesta di estensione delle indagini preliminari, al gip e agli indagati come obbligo di legge.

Sotto accusa: l’ex presidente della società Marco Campione60 anni; Pietro Arnonedi 58, amministratore unico di Hydortecne, “società sorella”; Calogero Pattidi 54, collaboratore del gruppo; Piero Angelo Cutaiadi 53, direttore amministrativo delle acque di Girgenti; Gian Domenico Ponzodi 55, direttore generale delle acque di Girgenti; Francesco Barrovecchiodi 62, responsabile tecnico di Hydortecne; Calogero Saladi 61, direttore tecnico e progettuale delle acque di Girgenti; Igino della volpedi 64, membro del consiglio di amministrazione di Girgenti acque, e Giancarlo Rosatodi 45, che per un periodo è stato presidente di Girgenti Acque.

I contorni della vicenda, che sembra incrociarsi con l’indagine di Waterloo sul cosiddetto “Sistema Campione”, sono ancora da decifrare.

© Tutti i diritti riservati

Scopri di più inedizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola.
Per leggere tutto, acquista il giornale o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

Related Articles

Back to top button