Notizie local

Furti di maioliche pregiate, perquisizioni a raffica: un tesoro a casa di un 40enne di Salemi

Si verificano furti di preziose maioliche siciliane, perquisizioni e maxi sequestro. Una vasta operazione dei carabinieri della ditta di Sciacca, in collaborazione con i colleghi di Palermo, Alcamo e Mazara del Vallo e coordinati dalla locale Procura della Repubblica, ha sconfitto una cosca specializzata nel furto di pregiate piastrelle per pavimenti, prodotte tra la fine del il 19° secolo. e i primi del ‘900, provenienti da varie scuole di ceramica siciliane.

Dopo che le ricerche sono state completate, sono stati scoperti a casa di Giuseppe Mancia, un quarantenne di Salem, decine di maioliche, vasi di terracotta, candelabri e altri oggetti ora in esame. Denunciato il quarantenne. Anche altri hanno riferito.

L’inchiesta è nata nei mesi scorsi, a seguito delle denunce presentate dai proprietari di alcuni antichi casali tra Ribera e la Valle del Belice, e soprattutto dell’arresto a Sambuca di Sicilia, lo scorso aprile, di due cittadini di Sciacca, Tonino Giordano30 anni, es Antonino La Grassa39, sorpreso a rubare da una villa un pavimento maiolicato decorato a mano.

I carabinieri della compagnia di Sciacca, guidati dal tenente colonnello Roberto Vergato, analizzando le modalità di alcuni furti commessi nelle province di Agrigento e Trapani, hanno trovato prove che li hanno portati a identificare più persone coinvolte in questa attività illecita. Data la particolare natura dei furti, certamente svolti su commissione, i canali per la vendita delle maioliche sono ora al vaglio degli inquirenti per raggiungere le recinzioni della preziosa refurtiva.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button