Notizie Italia

Finale da cuori forti: il Milan vince ad l’Empoli (1-3) e tiene la scia del Napoli

Una finale da ricordare regala al Milan 3 punti nella trasferta di Empoli. Arrivati ​​sull’1-1 nella ripresa, i campioni d’Italia sono subito tornati in vantaggio per poi allargarsi con il solito strepitoso Leao. Con questo successo il Milan segue le orme del Napoli e allunga a +5 sull’Inter.

La squadra di Pioli, dopo questo entusiasmante successo al Castellani, può pensare al Chelsea, prima della Juventus tra sette giorni. Per l’Empoli è la terza sconfitta, forse la più evitabile, visto come sono riusciti a riportare il risultato alla pari grazie ad una prodezza di Bajrami su punizione. Il primo tempo sarà ricordato, oltre che per la prepotenza tecnico-fisica di Leao, ma ormai non è una novità, per tre infortuni: due al Milan e uno nelle file dei toscani. Prima Saelemaekers e Calabria escono dal campo, poi Grassi. In particolare quello del capitano rossonero ha dato la sensazione di avere un serio problema muscolare alla coscia destra, tanto che Calabria ha dovuto uscire in barella. Il terzino aveva lasciato l’ala a Kjaer, ma nella ripresa anche l’ex difensore del Palermo ha dovuto lasciare il campo.

Prima frazione quasi tutta della squadra di Pioli: baricentro alto per il Milan, con tanto possesso palla. Empoli compatto, difesa e ripartenza per la squadra di Zanetti. L’avvio è tutto milanista: al 7′ Leao entra in area, va in fondo alla destra e mette al centro il francese, che crea un colpo di tacco nell’area piccola con palla che finisce fuori; al 9′ grande azione di De Ketelaere per Leao, tiro sicuro del portoghese, ma Vicario dice no. Henderson risponde al 16′ e a sua volta Tatarusanu salva in due tempi. Intorno al 20′ doppia occasione per Saelemaekers, poi anche per Leao su cross di Giroud, ma Vicario e l’imprecisione del portoghese frenano il Milan. Al 37′ l’Empoli chiede il fallo di mano di Ballo-Touré, sulla conclusione di Haas, ma il replay fa capire che la palla ha colpito la parte del difensore in scivolata. L’ultima occasione della prima parte del match è di Leao che calcia potente sull’esterno della rete.

Nella ripresa l’Empoli parte decisamente meglio: occasione per Marin, che sfiora il palo da fuori area, poi pericoloso colpo di testa di Lammers. Luperto rischia l’autogol con una deviazione su punizione di Tonali su cui Vicario fa un miracolo. Bajrami sbaglia un gol davanti a Tatarusanu. Ma al 79′ c’è la svolta: Leao riceve palla dalla rimessa laterale, mette in mezzo per Rebic, che si infila facilmente in rete. Sul punto della rimessa grandi proteste di Zanetti: il tecnico dell’Empoli lamenta che sia stata effettuata almeno 10 metri di vantaggio, sorprendendo la difesa dei toscani. Nei minuti di recupero succede di tutto: al 92′ Bajrami trova il gol con una splendida punizione. Si riparte e il Milan passa sul 2-1: cross di Kalulu, colpo di testa di Krunic e Ballo-Touré manda in rete. Ma non è tutto. Con l’Empoli sbilanciato, lo scatenato Leao in contropiede batte Vicario con un pallonetto per il definitivo 1-3.

Empoli-Milan 1-3

RETI: 34′ Rebic, 47′ Bajrami, 49′ Ballo-Tourè, 52′ Leao

EMPOLI (4-3-1-2): Vicario 7; Stojanovic 5,5, De Winter 5, Luperto 5,5, Parisi 5; Haas 5.5 (37′ st Cambiaghi sv), Grassi 6 (45’+2′ pt Marin 6), Henderson 5.5 (13′ st Bandinelli 6); Pjaca 5,5 (13′ st Bajrami 7); Satriano 5 (37′ st Destro sv), Lammers 6. In panchina: Perisan, Ujkani, Cacace, Walukievicz, Ekong, Degli Innocenti, Fazzini, Baldanzi, Guarino. Allenatore: Zanetti 5,5

MILANO (4-2-3-1): tartaro 5,5; Calabria 6 (39′ pt Kalulu 6), Kjaer 6 (27′ st Dest sv), Tomori 6, Ballo-Toure 7.5; Tonali 6,5, Bennacer 6; Saelemaekers 5.5 (33′ pt Krunic 7), De Ketelaere 5.5 (27′ st Diaz sv), Leao 8; Giroud 6 (27′ st Rebic 7,5). In campo: Mirante, Adli, Jungdal, Bakayoko, Lazetic, Thiaw, Pobega, Vranckx, Gabbia. Alternatore: Pioli 6.5

ARBITRO: Aureliano di Bologna 6

NOTE: serata piovosa, campo in pessime condizioni. Ammonizioni: Kjaer, Haas, De Winter, Luperto, Bennacer, Zanetti. Angoli 3-7. Recupero 4 ‘+ 1’; 4 ‘+3’

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Back to top button