Notizie Italia

F1, lampo Leclerc a Monza: voglio ripetere il 2019

Due boom su Monza, pochi secondi dopo: il primo risuona quando Leclerc taglia il traguardo con il miglior tempo assoluto, il secondo – dopo aver trattenuto il fiato – quando il tempo di Verstappen è di 145 millesimi. La pole position della Ferrari è “sorprendente”, secondo le stesse parole del monegasco: la sua considerazione parte da lontano, dalle difficoltà registrate a Spa. come tributo – era apparso in ritardo, come su altri circuiti veloci.
«Voglio ripetere la vittoria del 2019 – l’augurio di Leclerc, che deve interrompere il discorso per i continui applausi del pubblico a cui poi si rivolge direttamente -, ve lo meritate. Qui a Monza l’atmosfera è sempre speciale. Non è stato facile: ho preso dei rischi nell’ultimo giro e ha funzionato. Domani cercherò di dare tutto e portare a casa la vittoria». Leclerc, che partirà davanti a Russell e al duo McLaren Norris-Ricciardo, dovrà però fare i conti principalmente con Verstappen. «Max è molto veloce – la consapevolezza del pilota Ferrari – recupererà terreno e posizioni velocemente».
La posizione di partenza del campione del mondo si trasforma a lungo in un mistero, grazie al tiro al volo di penalità (nove) che rende difficile il calcolo della griglia, tenuta provvisoria per ore. La FIA deve intervenire per fare chiarezza, nel dedalo dei cavilli di un bizzarro regolamento: Verstappen partirà settimo, dietro anche a Gasly e Alonso. «Domani sarà una bella battaglia – la promessa dell’olandese, fischiata dagli spalti -. Siamo vicini alla vetta ma abbiamo scelto un assetto con più carico aerodinamico che dovrebbe favorirci in gara». Verstappen trasuda fiducia anche grazie alle due rimonte stagionali di Ungheria e Belgio, dove è addirittura riuscito a vincere partendo dal 14° posto.
Del resto parte l’altro pilota Ferrari, Carlos Sainz. Terzo tempo in pista ma diciottesimo in griglia dopo aver cambiato quasi tutti i componenti della Power Unit. «Fa male partire così indietro con questa vettura molto competitiva. Sarebbe stato davvero bello stare davanti per fare un doppio. Non avevo la scia nel secondo giro della Q3 e questo non mi ha permesso di competere per la pole position». Per lui sarà una corsa a monte: «Una safety car a metà gara sarebbe importante per compattare il gruppo ma piacerebbe anche a Max».
Verstappen resta il pensiero principale per la Ferrari, Binotto ammette anche di aver ricevuto in mattinata il sostegno del presidente John Elkann: “Per noi è importante partire davanti a tutti: Verstappen è forte e inseguirà, ma qui a Monza il sorpasso è non dato per scontato”. Di norma si creano treni di auto, tutti con i drs aperti. «Rispetto alla RedBull siamo più stanchi – conferma il team principal della Rossa -: noi siamo più veloci in rettilineo, loro in curva. Domani vedremo chi aveva ragione. La pole è una grande emozione, vincere sarebbe ancora meglio». È il desiderio della marea rossa che ha preso d’assalto l’ippodromo: 336mila biglietti venduti per il weekend, mai così tanti in cento anni di storia.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button