Notizie Italia

Elezioni in Sicilia, 38 simboli. Ecco le liste che appoggiano i 4 candidati alla Presidenza

Sei liste sosterranno la corsa di Renato Schifani4 quello di Caterina Chinnici. E poi ci sono le tre liste, forse anche doppie, che spingeranno la corsa degli outsider Cateno De Luca. L’ultimo a farsi avanti è stato Gaetano Armao, che correrà con i simboli Action Italia Viva racchiusi in un unico elenco. Prende forma la scheda elettorale per le Regionali che sarà consegnata il 25 settembre insieme a quelle per Camera e Senato. Ieri la Regione ha chiuso il termine per la presentazione dei simboli: i depositati sono 38, anche se non tutti saranno utilizzati dalle parti.

Molto dipenderà dagli accordi tra i vari big della zona. Ora Siciliaad esempio, è il movimento fondato da Luigi Genovesefiglio di Francantonioche ha appena annunciato l’ingresso negli elenchi diMpa. La festa di Lombardo anche raccolto il contratto con Movimento di stradaguidato dall’ex deputato regionale palermitano Gaspare Vitrano. C’è da dire che l’AMP aveva già firmato un patto con il popolare di Saverio Romano. Tutti insieme formeranno le liste MPA.

La candidatura di Renato Schifani sarà quindi spinta dalle liste di Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega Prima Italia, Nuova Dc di CuffaroMPa e Udc. Schifani ha presentato anche un simbolo per un possibile elenco del presidente che avrà il suo nome in evidenza. Sarebbe il settimo, ma non è ancora deciso se questa formazione vedrà la luce.

In Forza Italia a Palermo hanno riaperto i giochi. Gianfranco Micciché si candiderà al Senato e questo dà una possibilità a candidati meno competitivi sulla carta. In generale, i big lo saranno Edy Tamajo, Pietro Lungo (espressione dello stesso Schifani) e probabilmente Francesco Cascio. Correre pure Adelaide Mazzarino, che ha dovuto rinunciare alle elezioni comunali per l’inchiesta che ha colpito il candidato con cui aveva fatto il biglietto. Sulla lista di Forza Italia dovrebbe esserci anche Giuseppe Di Stefanouno degli uomini più vicini a Riccardo Savona (il deputato scomparso una settimana fa) e attualmente presidente della SAS. Il clima sereno di Forza Italia è stato fotografato ieri dal supporto che Andrea Mineotra gli uomini più vicini a Miccichè e leader delle giovanili del partito, ha assicurato Schifani: “Renato è un’icona del partito”.

In Fratelli d’Italia l’elenco è già quasi definito. Ti troveranno un posto a Palermo Alessandro Aricò e Marco Intravaiai due grandi giocatori di Diventerà bellissimo, che ha confermato in un’unica lista la fusione con FdI. Gli uomini più propriamente di Fratelli d’Italia saranno i consiglieri comunali Fabrizio FerraraL’avvocato Michele Pivetti e Brigida Alaimo (espressione di Carolina Varchi).

Nell’altra metà le liste a sostegno di Caterina Chinnici sono 4: quella di Pdquella di 5 cifre (almeno fino all’ufficialità della pausa) e quella di Cento passi costruito da Claudio Fava unendo le aree della sinistra e dell’educazione civica. C’è anche il Lista Chinnici, con un simbolo tutto blu, che doveva essere il contenitore in cui riunire i Renziani, gli uomini di Calenda e vari segmenti della società civile. La rottura con Renzi e Calendario cambiato piano e ora in questo elenco dovrebbero finire per lo più socialisti e +Europa. Anche se Fabrizio Ferrandelli ieri ha rallentato, spiegando che bisogna aspettare che gli accordi maturino a Roma per formalizzare gli accordi alle Regionali. Nella lista Chinnici c’è ovviamente spazio anche per i movimenti e la società civile.

Quasi tutti i candidati uscenti dovrebbero ricandidarsi nel Pd tranne Antonello Cracolici, che dovrebbe avere un posto in politica. I grillini sceglieranno i loro candidati entrando in uscita nel primo mandato e festeggiando online le primarie della prossima settimana.

Cateno De Luca ha presentato 6 simboli. Ci sono tre liste sicure: De Luca Sindaco di Sicilia, La vera Sicilia e Orgoglio siciliano. La rottura con Sgarbi e Giarrusso mette a rischio le altre liste, anche se l’ex sindaco di Messina si dice sicuro di poterle presentare. Nella lista principale a Palermo ci sono l’ex iena Ismaele La Varderal’ex leghista Igor Geda e alcuni sindaci tra cui quello di Camporeale, Luigi Cino.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Back to top button