Notizie Italia

Dai termovalorizzatori al ponte sullo Stretto, Schifani indica le priorità per la Sicilia

Dal ponte sullo Stretto ai termovalorizzatori, Renato Schifani nella prima uscita pubblica a Palermo da candidato alla presidenza della Regione evidenzia le priorità della sua agenda politica.

«Il ponte sullo Stretto resta per noi una priorità. Ricordo che quando ero il leader del mio partito, nel governo Berlusconi, eravamo andati molto, molto lontano. Poi il governo Prodi ha deciso in 90 giorni di azzerare tutto mettendo in liquidazione la società Ponte sull’Stetto». Così il candidato di centrodestra ha delineato il primo obiettivo, parlando con i giornalisti a Palermo, a margine della conferenza stampa di presentazione dei candidati al parlamento nazionale e all’Assemblea regionale siciliana, nelle liste di Noi Moderati e Popolari e Autonomisti -Noi con Sicilia. «È chiaro – aggiunge Schifani – che purtroppo non è stato possibile inserirlo nel progetto Pnrr ma troverò sicuramente nel mio amico Occhiuto (il presidente della Regione Calabria), se dovessi diventare presidente della Regione, un valido alleato perché quest’opera possa finalmente iniziare e realizzarsi”.

«I termovalorizzatori sì, perché trasformano i rifiuti in energia – ha affermato Schifani -. Ormai la tecnologia è avanzata ed è in grado di proteggere tutte le città dal pericolo di inquinamento. Valuterà l’ipotesi di chiedere al governo nazionale l’approvazione della regola Gualtieri, voluta per Roma, che consente alla Sicilia occidentale e orientale, ai due sindaci delle città metropolitane, di avere poteri più rapidi, poteri commissariali per accelerare le procedure”.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button