Notizie Italia

Covid, circolare ministeriale: tutti ugualmente efficaci i vaccini anti-Omicron

Nuovi vaccini aggiornati come quarta dose per gli over 12 che ne avranno bisogno ma tutti i bivalenti sono ugualmente efficaci e non c’è motivo di distinguere tra quelli formulati contro Omicron 1 e quelli contro Omicron 4 e 5, l’ultimo approvato. Con queste indicazioni, una circolare del Ministero della Salute chiarisce alcune questioni che le Regioni si erano sollevate per continuare la campagna vaccinale. E mentre si avvicina il 30 settembre, data di scadenza dell’obbligo di mascherina per salire sui mezzi ed entrare in ospedali, ambulatori e Rsa, i dati sull’andamento dei contagi nel Paese esprimono un’inversione di tendenza con un aumento in incidenza, un parametro chiave per l’analisi della pandemia. Per quanto riguarda le altre restrizioni ancora in vigore, la prossima scadenza riguarda lo stop dei protocolli di sicurezza nei luoghi di lavoro (31 ottobre), che tra l’altro prevedono in alcuni casi la misurazione della temperatura all’ingresso e l’uso delle mascherine al chiuso. in assenza del distanziamento. Fino al 31 dicembre, invece, il pass verde resta obbligatorio per operatori sanitari, pazienti e visitatori di ospedali e RSA.

L’ultimo monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore di sanità indica che l’incidenza dei casi di Covid-19 in Italia è salita a 215 ogni 100mila abitanti rispetto ai 186 della settimana precedente mentre il RT è pari a 0,91, stabile rispetto a sette giorni prima. Il tasso di occupazione in terapia intensiva si conferma all’1,4%, quello relativo alle aree mediche scende dal 5,7% al 5,3%.
Tornano però le regioni classificate ad alto rischio: due questa settimana – Toscana e Piemonte – e in aumento anche quelle a rischio moderato, che salgono a 11 dalle 2 di una settimana fa. Inoltre, nelle ultime 24 ore – riporta il ministero della Salute – sono stati registrati 21.085 nuovi contagi, ieri erano 22.527. Le vittime sono 49, in calo rispetto alle 60 di ieri. Il tasso è al 13,9%, leggermente in rialzo. In particolare, le analisi del matematico Giovanni Sebastiani, dell’Istituto per le applicazioni del calcolo Picone, del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), indicano che i casi sono in crescita in 11 regioni e che per quanto riguarda i ricoveri ordinari è previsto lo stop ai la fase di diminuzione entro cinque giorni. Il direttore della Prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza, parla di “una leggera inversione di tendenza del tasso di incidenza” in un video di commento al monitoraggio, rinnovando la raccomandazione di effettuare “dosi di richiamo con vaccini adeguati alle varianti circolanti “.

E proprio in merito al proseguimento della campagna vaccinale, il Ministero della Salute ha pubblicato la circolare sui nuovi vaccini. «I vaccini bivalenti anti-Covid aggiornati alle sottovarianti Omicron 1 e Omicron 4-5 – si legge – potranno essere messi a disposizione, su richiesta dell’interessato, come seconda dose di richiamo per la vaccinazione di soggetti di almeno 12 anni maggiorenne, che hanno già ricevuto la prima dose di richiamo da almeno 120 giorni». Inoltre, il Ministero ribadisce che «non ci sono prove per poter esprimere un giudizio di utilizzo preferenziale di uno dei diversi vaccini bivalenti oggi disponibili» poiché tutti possono “estendere la protezione contro le diverse varianti”, contribuendo a mantenerla “ottimale” contro la malattia. In termini di cure, invece, l’ultimo rapporto AIFA indica un uso crescente di anticorpi monoclonali: sono stati avviati 78.143 trattamenti in Finora l’Italia (+1,4% rispetto a due settimane fa) e, di questi, 69.896 sono stati prescritti a pazienti non gravi con forme precoci della malattia ma a rischio di sviluppare la forma grave.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Back to top button