Notizie Italia

Caro bollette, stangata da 4.700 euro a famiglia: già quasi 5 milioni i morosi

All’orizzonte si addensano le nuvole della nuova puntura che rischia di colpire le famiglie italiane nel prossimo anno, quando potrebbero dover pagare oltre 4.700 euro per luce e gas. A lanciare l’allarme è stato il Codacons, che ha redatto uno studio per capire a quale spesa gli utenti saranno chiamati nel 2023 per gli approvvigionamenti energetici, in attesa di conoscere l’entità degli aumenti per la bolletta del gas e le mosse che il futuro governo intende impegnarsi per contrastare l’emergenza energetica.
Ma c’è un altro fatto che dà la dimensione della crisi attuale: almeno 4,7 milioni di italiani hanno già saltato il pagamento di una o più bollette, come mostra un sondaggio commissionato da Facile.it, il sito specializzato nel confrontare offerte e tariffe in vari settori. E gli arretrati non riguardano solo gas e luce, visto che almeno 3 milioni di italiani hanno saltato una o più rate condominiali. “Arrivano gli adeguamenti condominiali per i terribili costi energetici”, ha detto il leader degli industriali Carlo Bonomi, sottolineando come l’emergenza colpisca le imprese ma anche le famiglie, con un aumento della povertà e una forte preoccupazione per il benessere delle famiglie.

Il presidente di Confartigianato Sicilia, Daniele La Porta

E per questo anche il presidente dell’ABI, Antonio Patuelli, chiede un’azione a livello nazionale ed europeo per ridurre le rate e allungare le scadenze di prestiti e mutui: “L’Ue – il suo appello – dovrebbe consentire alle banche una moratoria su imprese e famiglie , per dare loro più tempo per riprendersi economicamente e per far fronte agli impegni presi».
Le stime degli esperti del Codacons sono da far tremare i polsi. A partire dal primo dato certo, le nuove tariffe elettriche, cresciute del 59% nell’ultimo trimestre dell’anno, equivalgono a una bolletta elettrica media (con un consumo annuo di 2.700 Kwh) pari a 1.782 euro per famiglia, in aumento di + 122. % rispetto all’ultimo trimestre del 2021. Un aumento che di fatto corrisponde ad un aumento della spesa pari a +662 euro per nucleo familiare. Questo, logicamente, se i prezzi sono rimasti costanti e senza contare ulteriori incrementi nel corso del 2023.
Ma la situazione si complica ancora con il gas: la nuova modalità di calcolo decisa da Arera e l’aggiornamento tariffario mensile e non più trimestrale, permetteranno solo di conoscere l’entità dei nuovi rincari di novembre, che però gli analisti prevedono nel ordine del 70%. Un’ipotesi che, se confermata, porterebbe la bolletta media del gas a raggiungere 2.942 euro a famiglia su base annua (con consumi pari a 1.400 mc), e una crescita del 117% rispetto all’ultimo trimestre del 2021 che corrisponde a una maggiore spesa da +1.586 euro per unità. Complessivamente, quindi, una famiglia tipo potrebbe quindi spendere complessivamente 4.724 euro per le bollette di luce e gas nel 2023, subendo un aumento della spesa di quasi 2.500 euro rispetto a fine 2021. Uno scenario – lamentano i consumatori – che si porta dietro i rischi di innescare una vera emergenza sociale.
Per affrontare il tema e studiare soluzioni condivise, consumatori, istituzioni e aziende energetiche si incontreranno il 18 ottobre a Roma nel corso di una tavola rotonda a cui parteciperanno i dirigenti dell’Arera e numerose aziende elettriche e del gas.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Back to top button