Notizie local

Bonus 200 euro, pagamento a luglio ma non per tutti: ecco chi dovrà attendere ottobre

La platea di chi può usufruire del bonus da 200 euro si allarga ma ora è arrivata una circolare Inps che segna i tempi. Non tutti riceveranno il contributo una tantum, previsto dal Decreto Aiuti al Reddito fino a 35mila euro, nel mese di luglio.

Bonus 200 euro a luglio

Il bonus di 200 euro sarà corrisposto automaticamente a luglio ai dipendenti e pensionati, ai nuclei familiari che percepiscono il reddito di cittadinanza e ai lavoratori domestici che, invece, sono tenuti a presentare domanda (entro il 30 settembre).

Bonus 200 euro a ottobre

Ad ottobre 2022, invece, il bonus di 220 euro sarà corrisposto ai titolari di Naspi, Dis-Coll, beneficiari di disoccupazione agricola e indennità ex Covid 2021 e anche ai lavoratori delle altre categorie chiamati a presentare domanda, inclusi collaboratori e stagionali. Per questi la scadenza per la presentazione delle domande è il 31 ottobre.

Bonus 200 euro a chi ne ha diritto

Possono percepire il contributo i dipendenti, i lavoratori pubblici e privati, titolari di uno o più rapporti di lavoro, che hanno diritto all’esenzione contributiva 0,8 dal 1° gennaio 2022 fino al giorno precedente la pubblicazione della circolare. %. Il datore di lavoro riconoscerà automaticamente il sostegno, previa acquisizione da parte del lavoratore della dichiarazione di non essere titolare di pensione, erogato per qualsiasi forma di previdenza sociale, pensione di accompagnamento e Reddito di cittadinanza. Il bonus verrà corrisposto anche se la retribuzione mensile viene azzerata in virtù di eventi tutelati (CIGO/CIGS, FIS o Fondi di Solidarietà, CISOA, permessi).

Bonus di 200 euro per i pensionati

Con la mensilità di luglio 2022, i residenti in Italia dal 1° luglio che hanno diritto a pensione, versata per qualsiasi forma di previdenza obbligatoria, pensione o assegno sociale, pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, in quanto nonché titolari di prestazioni pensionistiche di accompagnamento; per accedere all’indennità i predetti trattamenti devono avere efficacia entro il 30 giugno 2022 e l’Irpef – al netto dei contributi previdenziali e assistenziali – non deve superare i 35.000 euro per l’anno 2021. Tra i beneficiari del provvedimento rientrano anche coloro che, a giugno sono titolari di NASpI e DIS-COLL, i beneficiari della disoccupazione agricola per il 2022 (di pertinenza 2021) e i beneficiari dell’assegno Covid-19 varato dai decreti Sostegni e Sostegni bis. Gli appartenenti a queste categorie non dovranno presentare alcuna domanda: il beneficio sarà erogato direttamente dall’INPS.

Bonus 200 euro, chi dovrà presentare la domanda

I titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa devono presentare domanda all’Istituto, con contratto attivo alla data del 18 maggio 2022 e reddito derivante dai suddetti rapporti non superiore a 35.000 euro per il 2021. Stagionale, a tempo determinato e intermittente 50 giorni di lavoro effettivo nel 2021, che si traduce in un reddito non superiore a 35.000 euro. La platea dei destinatari comprende anche i lavoratori a tempo determinato del settore agricolo; iscritti al Fondo Pensione Lavoratori dello Spettacolo con 50 contributi giornalieri nel 2021, con un reddito non superiore a 35.000 euro; lavoratori autonomi occasionali senza partita IVA, non iscritti ad altre forme obbligatorie di previdenza sociale, già titolari nel 2021 di contratti disciplinati dall’articolo 2222 del codice civile, iscritti alla Gestione Separata dal 18 maggio 2022, che abbiano pagato almeno un contributo mensile nel corso del 2021; responsabile vendite abitazioni, iscritto alla Gestione Separata dal 18 maggio 2022, che può vantare un reddito superiore a 5.000 euro derivante da tale attività per l’anno 2021. Per queste categorie il termine per la presentazione delle domande è il 31 ottobre 2022. Il il premio è riconosciuto anche ai lavoratori domestici assicurati presso la Direzione Lavoro Domestico INPS, appartenenti alle categorie individuate dal vigente CCNL che prevede le principali funzioni di collaboratori familiari e di assistenti della persona a carico. Questi devono avere almeno un rapporto attivo a partire dal 18 maggio 2022, un reddito 2021 non superiore a 35.000 euro e non devono essere titolari – al momento della presentazione della domanda – di altra attività lavorativa o previdenziale. I contratti presi in considerazione saranno tutti quelli già in essere, o la cui costituzione non sia stata respinta, alla data di entrata in vigore del Decreto ovvero il 18 maggio 2022. I lavoratori domestici devono presentare domanda entro il 30 settembre 2022.

Bonus di 200 euro e reddito di cittadinanza

Infine, la misura sarà erogata anche alle famiglie beneficiarie del Reddito di Cittadinanza. Per questi ultimi la somma sarà stanziata aumentando la rata di luglio, qualora i componenti del nucleo non abbiano già beneficiato del medesimo contributo in quanto appartenenti alle altre categorie beneficiarie del bonus.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button