Notizie Italia

Assunzioni fittizie, colpito il patrimonio di un imprenditore di Palma

Il gip del tribunale di Agrigento, Stefano Zammuto, ha disposto – accogliendo la richiesta del procuratore capo ad interim Salvatore Vella – il sequestro preventivo per l’equivalente di 71.272,29 euro a carico del titolare dell’azienda agricola “Contino Calogero” di Palma di Montechiaro e 10 presunti contadini “falsi”. L’indagine della Procura è, secondo l’accusa, su una “truffa aggravata e continuata per il conseguimento – annunciato dal tribunale – di fondi pubblici nei confronti dell’azienda agricola “Contino Calogero”, nonché nei confronti dei presunti falsi lavoratori agricoli, che prestava servizio nella stessa ditta. Il sequestro di beni e conti correnti, riconducibili agli indagati, è stato effettuato da personale della Luogotenenza della Guardia di Finanza di Licata».

Il gip «ha riconosciuto l’esistenza del ‘fumus’ del reato di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche ipotizzato dalla pm, sulla base delle indagini svolte e degli atti acquisiti dall’Ispettorato nazionale del lavoro di Agrigento. In particolare, «si presume che dal 2016 al 2020 Contino Calogero – scrive Vella – abbia assunto fittiziamente almeno 10 braccianti agricoli. Questi falsi manovali hanno successivamente presentato domande di disoccupazione agricola, richieste di percepimento di indennità per il nucleo familiare, malattia e maternità e domande di indennità Covid-19, ricevendo così indebiti pagamenti per complessivi 71.272,29 euro, con danno al Tesoro pubblico” .

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button