Notizie Italia

Ars, la lunga notte della manovra: ecco tutte le elargizioni

Al termine di una delle poche maratone notturne di questa legislatura, l’Ars ha approvato il disegno di legge sulle modifiche di bilancio. Lo scrive oggi Antonio Giordano sul Giornale di Sicilia in edicola.

Dal finanziamento della narrativa alle borse di studio, ecco cosa contiene il provvedimento. Polemiche anche per la bocciatura del maxiemendamento del governo (respinto a scrutinio segreto) che ha stanziato fondi per 405mila euro, di cui una parte destinata alle emergenze rifiuti a Palermo e Catania e circa 200mila per investimenti nel settore sanitario. Tra le norme approvate, invece, il trasferimento di 24 milioni per saldare i debiti dei comuni nei confronti di Siciliacque, la società che gestisce il sovrascopo regionale, l’integrazione oraria del personale Asu dei beni culturali. I 23 milioni promessi alle ZES raggiungeranno solo in parte le zone franche: 10 saranno utilizzati per finanziare i contratti di servizio.

Via libera anche agli interventi per il turismo e per i pensionati dei Consorzi ex Asi. Sempre in tema di personale, la bolletta contiene un prestito di 3,3 milioni di euro per il nuovo sistema di classificazione regionale. Respiro di ossigeno per il teatro Massimo di Palermo. Lo stesso importo è stato stanziato dal Parlamento regionale per la rimozione e lo smaltimento dell’amianto dai siti di archeologia industriale riconosciuti come beni culturali. Sempre in tema di spettacoli, il Fondo unico regionale per il settore viene incrementato di 300mila euro, per una disponibilità complessiva di 6 milioni e 800mila euro.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Back to top button