Notizie Italia

Agrigento, incendio devasta quindici ettari a Fondacazzo: morti tre cani di privati

Quindici ettari – dieci di bosco e cinque di incolto – inghiottiti da un terrificante incendio scoppiato nel pomeriggio di ieri (sabato 20 agosto) e domato solo a tarda notte, nel comune di Fondacazzo di Agrigento. E sette ettari di macchia mediterranea inceneriti in contrada Scalindi, sul monte Capreria, a Siculiana. Ore e ore d’inferno per i vigili del fuoco e gli uomini della Forestale che hanno avuto bisogno anche dell’appoggio di due Canadair e di un elicottero della Forestale per il vasto fronte della città dei Templi e di un elicottero, sempre della Forestale, per l’incendio di Siculiana.

Tra il quartiere di Santa Lucia e il Quadrivio Spinasanta, ad Agrigento, le operazioni di bonifica sono proseguite fino alla tarda mattinata di oggi. Vigili del fuoco e Forestali, dopo aver lavorato tutta la notte e aver curato il “raffreddamento”, hanno provveduto ad eliminare tutti i possibili rischi di ulteriori inneschi. Anche quest’anno l’incendio di Fondacazzo è stato devastante. L’incendio, secondo quanto trapela, sarebbe stato appiccato nello stesso, identico, punto in cui era stato appiccato l’anno scorso. E’ stata informata la Procura della Repubblica e, già nel tardo pomeriggio di sabato, è iniziata l’attività investigativa. Sul posto ha operato anche la Polizia di Stato. Non sarà facile – la riserva investigativa è comunque categorica – riuscire a identificare l’incendiario, che però, visto il punto scelto per appiccare le fiamme, potrebbe essere sempre lo stesso. Ad essere concretamente minacciate dall’inferno di fuoco furono, già nel tardo pomeriggio, più abitazioni, ma anche attività lavorative: commerciali e artigianali. Non c’era bisogno – anche se si è temuto per ore – di evacuare gli edifici. L’incendio ha ucciso tre cani privati ​​che erano tenuti all’interno di una recinzione. Gli animali non sono riusciti a scappare. Soccorritori e poliziotti, solo quando il vasto fronte è stato addomesticato, hanno trovato le carcasse degli animali.

Da Agrigento a Siculiana dove, sul monte Capreria, è scoppiato un incendio che ha incenerito sette ettari di macchia mediterranea. Al lavoro, praticamente da quasi un giorno, gli uomini della Forestale. Ad allertare la Procura di Agrigento di questa distruzione ambientale – fortunatamente non si sono registrati danni a cose o persone – sono stati i carabinieri della stazione cittadina. Decine e decine, poi, gli incendi boschivi che si sono verificati, e in alcuni casi hanno anche fatto paura, un po’ in tutta la provincia. A complicare le operazioni di estinzione, sia per le due aree boschive che per l’incendio delle sterpaglie, è stato il vento.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Back to top button