Notizie Italia

A Lampedusa cinque sbarchi con 91 migranti, 500 persone lasciano l’hotspot

Cinquecento migranti hanno lasciato l’hotspot di Lampedusa e si sono imbarcati sulla nave della guardia costiera Diciotti diretta a Trapani. Nella struttura di prima accoglienza del comprensorio di Imbriacola sono rimasti 575, contro i 350 posti disponibili. A Trapani – domani mattina 19 giugno – i carabinieri della Questura di Agrigento comunicheranno gli ordini di espulsione firmati dall’assessore.

Una madre e la figlia sono state trasferite, con un elisoccorso del 118, in un ospedale di Palermo. La piccola è rimasta ferita ed è stata portata in ospedale.
Cinque gli sbarchi, per un totale di 91 migranti, che si sono registrati oggi a Lampedusa. L’ultimo sbarco, in ordine di tempo, è stato di trenta tunisini, di cui 6 donne e 10 minori. Le motovedette della Guardia di Finanza e della Capitaneria sono riuscite a rintracciare la barca di 7 metri, partita da Sfax, sulla quale erano alla deriva. Un caso di scabbia è stato riscontrato tra coloro che sono sbarcati durante i controlli sanitari effettuati al Molo Favarolo.

Sessantuno, invece, i migranti sono arrivati, con 4 diverse piccole imbarcazioni, tra la notte e l’alba. In mattinata, a 3 miglia dalla costa, la motovedetta della Guardia di Finanza 119 Vitali ha intercettato un’imbarcazione di 7 metri con 20 tunisini, di cui 3 donne e 6 minori. Nella notte sono stati bloccati tre carri con 17 persone, di cui 1 minore e 7 donne, originarie di Camerun, Guinea e Sierra Leone; una barca con 12 tunisini, di cui 3 donne e 1 minorenne, e una barca di 6 metri con altri 12 tunisini. Le barche sarebbero partite – secondo quanto emerso – da Sfax e Jerba. Tutti i gruppi sono stati portati all’hotspot dove, al mattino, c’erano 1.047 ospiti e dove, alla sera, sono rimasti 575.

Nei giorni precedenti, sempre con l’obiettivo di alleggerire la presenza all’hotspot di Lampedusa, la Prefettura di Agrigento, d’intesa con il Viminale, aveva effettuato un primo trasferimento, sempre con la nave “Diciotti”, di 602 migranti sbarcati a Porto Empedocle. Sembra ovvio che gli spostamenti, magari solo in traghetto, proseguiranno nei prossimi giorni. I pattugliamenti lungo la costa, ma anche al largo, nel frattempo, però, vanno avanti, grazie alle motovedette della Guardia di Finanza e della Capitaneria di porto.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Back to top button