News

Week end torrido in Sicilia: bollino arancione a Catania, Messina e Palermo

Il numero delle città italiane si riduce con il punto rosso, che indica il livello massimo di rischio caldo per l’intera popolazione. Se oggi ci sono due centri urbani con questo marchio, Bologna e Firenze (ieri erano 4), i centri urbani più caldi, domani e dopodomani non saranno più sette ma quattro (oltre a Bologna e Firenze, anche Campobasso e Pescara) . E’ il risultato del bollettino ondata di caldo del ministero della Salute, attivo da maggio e settembre e costantemente aggiornato con previsioni per 27 città a 24, 48 e 72 ore.

In calo anche i francobolli arancioni (allerta calda per i più fragili): oggi sono 4 (Campobasso, Catania, Palermo e Pescara) contro i 9 previsti. Per domani il numero delle figurine arancioni, 8, è solo di poco inferiore alle 9 previste (e riguarda Ancona, Catania, Frosinone, Messina, Palermo, Perugia, Reggio Calabria e Rieti. Mentre per sabato i francobolli arancioni sono 5 (Ancona, Messina, Perugia, Reggio Calabria e Rieti). Le ondate di calore, si legge sul sito del ministero, si verificano quando si registrano temperature molto elevate per diversi giorni consecutivi, spesso associate a elevata umidità, forte irraggiamento solare e assenza di ventilazione. Queste condizioni climatiche possono rappresentare un rischio per la salute della popolazione.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button