Notizie local

Nuova ondata di grande caldo: occhi puntati su Palermo, Catania e Messina

Gran caldo tutto il fine settimana e tutta la prossima settimana. Secondo i meteorologi, ci aspettiamo 7 giorni di caldo. L’anticiclone africano Scipione sta per partire ma è in arrivo un altro anticiclone di origine subtropicale. Stiamo vivendo una fase di inizio estate con circa 6 gradi in più rispetto alle medie climatiche di riferimento, ma la prossima settimana questa discrepanza salirà addirittura a 10.

Adesivi arancioni e rossi nei fine settimana

Bollo arancione per ondate di caldo oggi solo a Torino, l’unica città dove domenica diventerà rosso. Lo segnala il ministero della Salute sul portale del bollettino sulle ondate di caldo in Italia, che monitora 27 città italiane. Le ondate di calore si verificano quando si verificano temperature molto elevate per diversi giorni consecutivi, spesso associate a elevata umidità, forte irraggiamento solare e assenza di ventilazione. Queste condizioni climatiche possono rappresentare un rischio per la salute della popolazione e soprattutto dei soggetti vulnerabili, ovvero gli anziani, i malati cronici, i bambini, le donne in gravidanza. Per prevenirne i possibili effetti, il Ministero pubblica quotidianamente, con previsioni a 24, 48 e 72 ore, per individuare quotidianamente le condizioni meteo-climatiche a rischio per la salute.

Le città monitorate

Le città monitorate sono: Ancona, Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Cagliari, Campobasso, Catania, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Genova, Latina, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Pescara, Reggio Calabria, Rieti, Roma, Torino, Trieste, Venezia, Verona, Viterbo.

Caldo per i prossimi 7 giorni

Dopo un weekend prevalentemente soleggiato e molto caldo, da lunedì 20 l’Italia dovrà fare i conti con una nuova e intensa ondata di caldo. Il picco di questa nuova ondata di caldo, secondo gli esperti, raggiungerà molto probabilmente tra il solstizio d’estate (martedì 21), che rischia di diventare il più caldo dal 2003 (il giugno più caldo della storia climatica italiana insieme al 2019) e venerdì 24. Si tratta di una fase climatica del tutto eccezionale con un’anomalia di temperature fino a circa 8 gradi in più rispetto a quanto ci si aspetterebbe in questo periodo dell’anno. È probabile che le vette massime tocchino punte di 40°C in molte città della Pianura Padana, come Bologna e Ferrara; fino a 37/38 C a Milano, Mantova e Pavia; clima caldo anche al Centro con punte fino a 36/38 C anche a Roma, Terni e Firenze. Comincerà a fare molto caldo anche al Sud, con valori superiori a 36°C in molte città. Insomma, molti record potrebbero crollare e quindi segnare un pezzo della storia climatica del nostro Paese.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button