Notizie local

Errante il nuovo album di Floriana Franchina che sostiene chi salva i profughi in mare

Errante è il nome del secondo progetto discografico della compositrice siciliana Floriana Franchina, che uscirà il 17 giugno 2022 (per Believe Music), con l’obiettivo di sposare una causa benefica. Il ricavato della vendita del record, infatti, sarà devoluto – attraverso una raccolta fondi – alla Ong mediterranea Saving Humans, impegnata a salvare vite nel Mediterraneo.

Secondo i dati ufficiali dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per le migrazioni, dall’inizio del 2022 oltre 318 persone hanno perso la vita in mare. Sarà possibile sostenere la raccolta fondi di “Errante” per Mediterranea al seguente link: https://donate.mediterranearescue.it/errante/.

L’album Errante parla di vite e, nello specifico, della condizione errante dell’uomo. Una parola che racchiude diverse sfaccettature. Non solo l’uomo, ma anche la Terra all’inizio del suo significato primordiale: pianeta deriva dalla parola greca planetes che significa errare, errare. Tuttavia, sebbene l’errore faccia parte della natura umana e ne coinvolga molti aspetti, non può essere inteso allo stesso modo per il nostro pianeta.

La natura e l’universo possono continuare a generare anche in assenza dell’essere umano ed è proprio rispetto a questo pensiero che, vagando, non va inteso come una mitigazione della responsabilità da parte dell’uomo.

Tutto è strettamente connesso. La crisi ambientale, di cui si parla a lungo, che minaccia la sopravvivenza di tutti gli esseri viventi, è direttamente collegata alla crisi umanitaria. “Errante” vuole quindi rappresentare metaforicamente un grido, una voce che vuole e deve essere ascoltata.

La musica di questo album, attraverso una raccolta fondi, mira ad aiutare chi non ha la fortuna di poter scegliere per la propria vita, chi è costretto a fuggire per affrontare il viaggio più difficile, chi non ha deciso di fare. Quelli che si sono trovati a scappare come l’unica scelta per salvarsi fuggendo dalle proprie radici per andare incontro, nella maggior parte dei casi, alla morte.

Grazie alla disponibilità dell’Assessorato alle Culture del Comune di Palermo, i Cantieri Culturali della Zisa sono stati la location scelta per le riprese del videoclip, che l’artista ha prodotto insieme ad ATOM Production sotto la direzione di Marco Maria Correnti e con il collaborazione del ballerino Carlos Kamizele, congolese residente a Bologna, artista poliedrico apprezzato a livello internazionale.

“Perché continuiamo a pensare che le altre persone siano diverse da noi? – chiede Floriana Franchina – Noi esseri umani siamo tutti uguali. Vedere le immagini dei salvataggi di Mediterranea è stato uno shock. Niente in confronto a quanto si percepisce negli occhi di uomini, donne e bambini costretti a lasciare tutto, in condizioni disumane. Persone che, come me, hanno passioni, talenti, sogni che non vedranno avverarsi. È la parte umana, fatta soprattutto di questi aspetti, che ci rende uguali. Nonostante la paura, il mare diventa per queste persone un ponte di salvezza, di speranza. Nel mio piccolo, voglio che la mia musica racconti un po’ della loro storia e che possa aiutarci ad aprirci all’altro con meno diffidenza».

A credere pienamente in questo progetto fino a diventarne sponsor ufficiale è Rosa di Stefano, proprietaria del Palazzo del poeta di Palermo, che sarà una delle tappe della presentazione pubblica del disco.

Floriana Franchina è nata a Sant’Agata di Militello (ME) nel 1991. Ha iniziato a studiare pianoforte e flauto all’età di nove anni, sotto la guida del padre. Si è diplomata brillantemente con il massimo dei voti e la lode in flauto traverso con il M° Giorgio Zagnoni e in pianoforte con il M° Bruna Bruno presso il Conservatorio “GB Martini” di Bologna. Attualmente è il primo flauto dell’Orchestra Sinfonica Siciliana con la quale si è esibita anche come solista al pianoforte e al flauto diretto dal M° Hans-JörgSchellenberger.

Nel 2020 esce Halite, il suo primo album discografico come compositrice e pianista, prodotto dall’etichetta Telecinesound di Roma. L’album ha rapidamente superato i 450.000 stream su Spotify da tutto il mondo.

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button