Notizie local

Castellitto porta Zorro al Pirandello di Agrigento

Si conclude la stagione di prosa del Teatro Pirandello di Agrigento con Sergio Castellitto protagonista e regista di “Zorro. Un eremita sul marciapiede”: spettacolo tragicomico tratto dall’omonimo romanzo di Margherita Mazzantini, in scena sabato 28 maggio alle ore 21.00 e Domenica 29 alle 17.30. Lo spettacolo racconta di un vagabondo, un uomo ai margini della società capace di vedere la realtà osservando la vita delle persone “normali”, per riflettere sul senso della vita con una capacità di restituire la complessità e l’imprevedibilità dell’esistenza. Come vi abbiamo più volte anticipato, lo spettacolo sostituisce “La morte di un commesso viaggiatore”, cancellato per indisponibilità del protagonista. Inoltre, andrà in scena nei giorni precedenti destinata a “Il caso Tandoy” che, come detto, ha subito una totale riprogrammazione della tournée nazionale, a causa della pandemia. Per i non abbonati è già attiva la prevendita di Zorro sul sito ufficiale della Fondazione Teatro Pirandello. Sosta solo in Sicilia.
«Zorro – racconta Margaret Mazzantini – mi ha aiutato a portare alla luce una paura che da qualche parte appartiene a tutti. Perché dentro ognuno di noi, insondato, incappucciato, c’è questa possibilità estrema: perdere improvvisamente i fili, i pesi che ci tengono ancorati al mondo regolare .Chi di noi in una notte d’anima soffocata, col bavero all’insù sotto un portico, non ha sentito verso quel corpo, quel sacco di fagotti con dentro un uomo, una possibilità di sé? cani, ti guardano e tu vedi il tuo faccia che ti sta guardando, non quella che hai addosso, forse quella che avevi da bambino, quella che hai a volte quando sei stupido e triste Quella faccia affamata e smunta che avresti potuto avere se il tuo segmento di mondo non ti avevo accolto. Perché in ogni vita ce n’è almeno un’altra».

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button