News

Bonus 200 euro anche ai nuovi assunti: i requisiti per ottenerlo

Anche i neoassunti che hanno sottoscritto un contratto di lavoro dipendente hanno diritto al bonus di 200€ che verrà anticipato in busta paga di luglio dal datore di lavoro ma non tutti possono ottenerlo.

Bonus 200 euro di cosa si tratta

Il bonus di 200 euro, previsto dal Decreto Aiuti, è un contributo nato per sostenere chi è in difficoltà e far fronte agli effetti economici della crisi. Dipendenti (anche neoassunti), titolari di pensione, reddito di cittadinanza, disoccupati, collaboratori domestici, stagionali, lavoratori con contratto intermittente, titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, lavoratori dello spettacolo, lavoratori autonomi ex art. 2222.

Bonus 200 euro per le nuove assunzioni

Nella maggior parte dei casi, il bonus una tantum del valore netto di 200 euro non è dovuto a chi è appena stato assunto ma c’è un lasso di tempo entro il quale deve essere avvenuta l’assunzione perché si attivi. In pratica, affinché il bonus di 200 euro sia erogato dal datore di lavoro è necessario che in uno dei primi quattro mesi dell’anno 2022 il lavoratore abbia goduto dei cosiddetti contributi bonus introdotti dall’ultima legge di Bilancio. Quindi il bonus di 200 euro è riservato a chi ha almeno una busta paga tra gennaio e aprile; avere almeno una delle buste paga di importo inferiore a € 2.692,00 lordi. Questo significa che possono avere diritto al bonus solo chi è stato assunto entro il 30 aprile, purché la busta paga ricevuta in quel mese sia inferiore a € 2.692,00 lordi.

Bonus di 200 euro per i nuovi assunti: alla scadenza

Sono due i casi per i quali anche chi è stato assunto dopo il 30 aprile 2022 ha diritto al bonus di 200 euro: aver avuto uno o più rapporti di lavoro subordinato tra il 1 gennaio e il 30 aprile 2022, anche se presso altra azienda (sempre in presenza di busta paga per un importo inferiore a € 2.692,00) e di avere pensione o assegno sociale o, ancora, di aver lavorato almeno 50 giorni di lavoro con contratto stagionale e un reddito inferiore a 35.000 euro (prendendo l’anno 2021 come un riferimento).

© Tutti i diritti riservati

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Back to top button